La replica del presidente Pastore sulla nuova bretella stradale in via del Circuito: "Il Pd faccia mea culpa per i ritardi"

Il presidente della commissione lavori pubblici interviene dopo le dichiarazioni fatte dai consiglieri comunali del Pd Giampietro e Catalano e dal consigliere regionale Blasioli

Dura replica del presidente della commissione lavori pubblici del Comune di Pescara Pastore al Pd che ieri era intervenuto con i consiglieri comunali Giampietro e Catalano e con il consigliere regionale Blasioli sulla questione dei lavori per la bretella stradale in via del Circuito.

Secondo i consiglieri d'opposizione e l'ex assessore ai lavori pubblici, ora con il parere favorevole della soprintendenza non ci sarebbero più ostacoli per far partire il cantiere del progetto che punta ad alleggerire sensibilmente il traffico su quell'arteria stradale dove da anni si verificano code e rallentamenti soprattutto durante le ore di punta per il traffico in entrata ed in uscita dalla città.

Pastore ha parlato di una realtà mistificata in quanto le responsabilità sui ritardi per l'avvio del progetto sono attribuibili proprio alla passata amministrazione comunale di centrosinistra dove Blasioli era assessore ai lavori pubblici:

Il progetto in questione è infatti giunto alla fase definitiva senza i necessari pareri favorevoli di natura archeologica, idraulica e paesaggistica. Come dire, senza avere i piedi per camminare. A meno che Blasioli non conosca procedure per aggirare le leggi e la Soprintendenza.

Quest’ultima - contrariamente a quanto si vuol far credere - non ha in realtà espresso un parere favorevole che possa consentire l’immediato avvio del cantiere, ma lo ha condizionato, sotto il profilo paesaggistico,  ad alcune prescrizioni che al momento richiedono un nuovo progetto di mitigazione, quindi si dovrà presentare un nuovo intervento di ricostruzione paesaggistico-ambientale. Senza dimenticare la presenza nell’area di alcuni terreni che non sono di proprietà pubblica. Il resto sono solo parole in libertà.

Il presidente auspica che Blasioli faccia un mea culpa e si evitino degli scaricabarile, mentendo ai cittadini, ed aggiungendo che la soprintendenza ha richiesto degli adeguamenti, che comportano una nuova verifica del progetto che inevitabilmente porteranno ad altri ritardi accumulati a causa delle inadempienze ed imprecisioni del progetto redatto dalla giunta Alessandrini:

Una cosa è certa: questi pareri andavano chiesti prima della progettazione; ma Blasioli non lo fece. È di tutta evidenza che i nodi vengono sempre al pettine, come in effetti è poi accaduto

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pescara usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Incidente stradale mortale in Abruzzo, furgoncino si schianta contro il guard-rail: deceduta una persona

Torna su
IlPescara è in caricamento