menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Area di risulta, l'assessore Mascia annuncia novità per risolvere il problema delle code alle casse automatiche

L'assessore risponde alle polemiche delle ultime settimane per il nuovo accesso automatizzato e annuncia le novità previste

L'ingresso automatizzato al parcheggio centrale dell'area di risulta di Pescara è diventato operativo a partire dallo scorso 21 dicembre ma in queste 3 settimane non sono mancati i disagi con lunghe file alle casse automatiche (in particolare quella verso piazza della Repubbblica).
In particolare negli orari di punta, tra mezzogiorno e l'una e tra le 18 e le 19, si sono create spesso lunghe code con attese superiori ai 30 minuti. 

A segnalare la problematica sia diversi esponenti dell'opposizione ma anche Giampiero Sartorelli, presidente dell'Aci Pescara che ha criticato sia l'amministrazione comunale che Pescara Multiservice che gestisce il parcheggio. L'assessore alla Mobilità, Luigi Albore Mascia, risponde a critiche e polemiche in modo costruttivo elencando le novità decise proprio oggi pomeriggio, giovedì 14 gennaio, al termine di una riunione con i vertici della società partecipata. 
Come prima cosa Mascia tiene a ricordare che per il sistema di automazione del parcheggio è stata scelta l'azienda leader Skidata che ha 100 filiali in tutto il mondo con 1.300 dipendenti e che solo in Italia ha realizzato 700 parcheggi di questo tipo: «Ci siamo organizzati con la migliore del mondo e in Abruzzo non credo esista un parcheggio a raso con 1400 posti. È stato fatto un primo investimento nel 2020 di 80 mila euro per l’automazione, ma Pescara Multiservice è una società che deve tenere in regola i conti, e prevede ulteriori investimenti nel 2021. Abbiamo deciso di iniziare il 21 dicembre e la stessa Skidata ci aveva informato che solitamente occorrono 3-4 settimane, a volte anche 5, per la metabolizzazione dell’automazione. Deve esserci un rodaggio per gli operatori ma anche per l’utenza che si imbatte in un parcheggio con un sistema tutto nuovo dove transitano 2700-2800 veicoli. Io rimango sconcertato quando leggo che per uscire si deve perdere tempo per passare il biglietto all'uscita perché le operazioni durano 3 secondi per accostarsi alla colonnina per far alzare la sbarra, mi sembra pretestuoso».

Poi Albore Mascia sottolinea come «quell’area è stata tutta risistemata con nuova segnaletica, compresa quella di accesso con le indicazioni, l’utente che arriva ha notevole facilità di accesso. Poi ci sono 1.300 abbonati che abbiamo dovuto dotare in queste 3 settimane delle nuove tessere dotate di microchip, le consegne sono terminate e ora questi utenti devono solo accostare l’abbonamento al lettore ottico». L'assessore ricorda anche come gli ingressi al parcheggio siano 3: in via de Gasperi, via Teramo e piazza della Repubblica e chiarisce anche il discorso relativo alla mancata possibilità di pagare con carte di credito e bancomat: «Erano stati chiesti i codici di accreditamento per l’attivazione dei Pos ma solo questa settimana sono stati consegnati. Domani Skidata li implementerà e confidiamo dalla settimana prossima di aver attivo questo tipo di pagamento. Basterà avvicinare la carta con contactless alla colonnina sia all’ingresso che all’uscita. Abbiamo 2 casse al momento, una in via Pisa e una in piazza della Repubblica ma abbiamo anche una cassa semiautomatica che può essere utilizzata da chi ha problemi. Chi esce con lo scontrino di ingresso può pagare agli addetti all’uscita. Il problema è che l’utenza deve prendere confidenza, visto che la cassa automatica può sostenere 4-5 pagamenti al minuto. Sul posto abbiamo sempre 2 operatori che aiutano nelle operazioni di pagamento e spiegano il funzionamento delle casse. Ma abbiamo anche avviato l’iter per l’acquisto di una seconda cassa come già previsto dal piano per il 2021 che sarà posizionata di fronte a quella di piazza della Repubblica (a febbraio è previsto l’arrivo, ndr), ma crediamo sinceramente che sia un di più. Basteranno altri 7-10 giorni per rendere tutto più fluido. Stiamo organizzando però un nuovo punto informazioni, entro 15 giorni, con cassa nel terminal bus dove vengono venduti i biglietti per gli autobus. 

Mascia annuncia anche l'ultima misura prevista che parte dal confronto con Telepass, il cui amministratore delegato è il pescarese Gabriele Benedetto, con il quale è previsto un incontro il 20 gennaio per creare un varco riservato ad abbonati e agli utenti dotati di Telepass.

«È una sorta di laboratorio», conclude Mascia, «perché ci avviamo alla risoluzione dei problemi dell’area di risulta con i parcheggi multipiano che verranno realizzati con tappe forzate. Dobbiamo superare quanto vissuto negli ultimi 25 anni con il pagamento a mano. Rispondo anche alla polemica sui tempi di uscita dall'area di sosta: abbiamo portato a 25 minuti il periodo tra ritiro del biglietto e uscita dal parcheggio, e quando si la situazione si normalizzerà riporteremo il limite a 15-20 minuti. Non siamo smart city? Prima del mio insediamento bisognava andare a fare gli abbonamenti a mano negli uffici della Pescara Multiservice adesso si fanno on line».

file cassa parcheggio area di risulta pescara-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento