Paolucci (Pd) su Marsilio e la zona arancione: "Scivola sugli specchi per cercare una giustificazione impossibile, non è una guida affidabile"

Nel dibattito interviene anche il consigliere regionale Silvio Paolucci, capogruppo del Pd, che critica apertamente il presidente della giunta regionale

Non si placano le polemiche politiche dopo l'ordinanza firmata Marco Marsilio che ha riportato l'Abruzzo in zona arancione.
Nel dibattito interviene anche il consigliere regionale Silvio Paolucci, capogruppo del Pd, che critica apertamente il presidente della giunta regionale.

«Marsilio scivola sugli specchi per cercare una giustificazione impossibile e attacca il Dpcm. Non è una guida affidabile, l’Abruzzo ha bisogno di essere governato», dice Paolucci.

«Marsilio», aggiunge l'esponente democratico, «non è una guida affidabile per gli abruzzesi, perché al posto di gestire l’emergenza territoriale, si è trincerato dietro le ordinanze e quando i dati lo hanno smentito, ha gettato un’intera regione allo sbaraglio, costringendo tutti alla sua interpretazione delle regole».

Paolucci inoltre aggiunge che «questa vicenda, insieme a tante altre di questi mesi, descrive un governo regionale, debole, confusionario e lento, Marsilio conosceva i termini della questione quando ci ha spinto nella zona rossa e anche quando ha firmato l’ordinanza per uscirne: ha semplicemente ignorato le regole. Nulla c’entra la politica e la burocrazia ministeriale, visto che delle attuali 20 regioni italiane ben 14 sono amministrare dalla destra e che tra queste solo l’Abruzzo ha chiesto volontariamente di finire in zona rossa, nonostante gli indicatori e che pertanto la destra abruzzese nessuna giustificazione può trovare in tal senso. La verità è che ci ha lasciati senza governance dell’emergenza sanitaria, come dimostrano le mancate risposte sull’utilizzo dei 108 milioni a disposizione, con fatti di cronaca gravissimi e in balia di dichiarazioni ondivaghe, sue e della Verì, prima sminuendo l’entità dell’emergenza per evitare la zona rossa, poi amplificandola per entrarci e tornando di nuovo a sminuire la gravità della situazione, quando si è reso conto del girone di non ritorno in cui ci aveva infilato. Non ce l’ha mai raccontata giusta Marsilio, nemmeno quando ha promesso ristori per l’economia che ai lavoratori non sono mai arrivati, costringendoli a in crociare di nuovo le braccia durante l’ultima disfida delle ordinanze. Il presidente e la sua giunta lasciassero perdere i Dpcm, che c’è già chi ci pensa, si concentri sull’Abruzzo e provassero a governare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Incidente stradale mortale in Abruzzo, furgoncino si schianta contro il guard-rail: deceduta una persona

Torna su
IlPescara è in caricamento