Paolucci torna ad attaccare la giunta Marsilio sui vaccini antinfluenzali: "Mancano dosi, Abruzzo allo sbando"

Il capogruppo Pd alla Regione insiste sulla questione della scarsità di dosi per il vaccino antinfluenzale in Abruzzo. "Siamo ad ottobre e la giunta Marsilio continua a non dare risposte"

Abruzzo allo sbando per quanto riguarda la campagna antinfluenzale. Lo ha ribadito nuovamente il capogruppo alla regione del Pd Paolucci, tornando sull'argomento della mancanza di dosi ed attaccando la giunta Marsilio ancora una volta colpevole a suo dire di immobilismo.

Secondo Paolucci, ancora una volta la Regione non fornisce risposte precise e chiare su come sarà gestita la campagna di vaccinazione, che in questo particolare momento legato al Covid diventa quanto mai fondamentale. Secondo il capogruppo, sul territorio è presente una disorganizzazione imbarazzante ed ha attaccato anche il direttore del dipartimento di sanità regionale D'Amario che avrebbe fatto lo scaricabarile sulle responsabilità per l'approvigionamento delle dosi del vaccino.

Paolucci ha aggiunto che procedere a vaccinazioni a tappeto nel minor tempo possibile è cruciale per i sanitari che dovranno fare la diagnosi differenziata rispetto al Covid, considerando che in base ad alcune risultanze lo stesso vaccino antinfluenzale aumenterebbe le difese immunitarie avendo un potere indiretto per ridurre i contagi.

Siamo a ottobre e l'Abruzzo e' talmente in ritardo, che non c'e' certezza nemmeno sui fabbisogni richiesti in piu' dalle Asl, che peraltro dal 31 agosto sono aumentati di 92.300 dosi, malgrado in un primo momento avessero confermato le dosi del 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quindi mancano ancora all'appello sia le 124.000 dosi non fornite a seguito delle gare gia' bandite, piu' le ulteriori richieste dalle Asl in seguito. Resta ancora da capire perche' la Regione abbia atteso tanto con gli atti e le decisioni  , sapendo che l'emergenza affrontata in primavera andava combattuta anche con la prevenzione, come hanno fatto le altre regioni che per tempo hanno fatto scorte di vaccini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vigilessa di Pescara Monica Campoli protagonista a "Forum" [VIDEO]

  • Il Lotto premia l'Abruzzo: grande vincita ad Avezzano

  • Nuovo Dpcm, scatta la protesta a Pescara: corteo da piazza Muzii fino al Comune

  • SuperEnalotto bacia l'Abruzzo con una maxi vincita: centrato il "5" da 100.375,95 euro

  • Coronavirus, Marsilio sulle possibili chiusure in Abruzzo: "Non lo escludo ma si lavora giorno per giorno"

  • Maxi frode e corruzione all'Uoc di Cardiochirugia di Chieti: arresti anche a Pescara

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento