menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'appello del capogruppo regionale pd Paolucci: "Utilizzare anche in Abruzzo i farmaci monoclonali contro il Covid"

Paolucci ha presentato oggi un'interpellanza durante il consiglio regionale per chiedere alla giunta se e quando intende utilizzare questi farmaci approvati dall'Aifa

Utilizzare in Abruzzo i farmaci a base di anticorpi monoclonali negli ospedali, al fine di ridurre l'ospedalizzazione dei pazienti Covid di media e lieve entità. Lo ha chiesto il capogruppo alla Regione del Pd Paolucci con un'interpellanza presentata durante la seduta odierna del consiglio regionale.

Paolucci ricorda che questi farmaci sono approvati dall'Aifa e dunque utilizzabili nel nostro Paese, e possono essere utili in Abruzzo dove è stata superata sia la soglia critica del 40% dei posti in terapia intensiva che del 42% dei posti letto in area medica.

Pur considerando l'immaturita' dei dati e la conseguente potenzialita' dell'entita' del beneficio offerto da tali farmaci, la Commissione dell'Aifa ritiene che, in determinati casi, ospedalizzazioni e tasso di letalita' si riducono sensibilmente dove vengono impiegati. Comunque si procedera' con speditezza, visto che la distribuzione dei medicinali sara' effettuata nelle prossime settimane dal commissario straordinario per l'attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell'emergenza epidemiologica Covid-19.

La Regione dunque, per Paolucci, non deve perdere tempo e farsi trovare pronta non appena saranno disponibili questi farmaci, muovendosi per tempo con un piano strutturato per i centri clinici coinvolti, il reclutamento dei pazienti e le infrastrutture disponibili:

Questi farmaci, scrive anche l'Aifa, 'contribuiscono offrire comunque un'opzione terapeutica ai soggetti non ospedalizzati che, pur avendo una malattia lieve/moderata, risultano ad alto rischio di sviluppare una forma grave di Covid-19 con conseguente aumento delle probabilita' di ospedalizzazione e/o morte'. Quindi si occupano di persone che vivono la malattia fuori dalle strutture e che, una volta raggiunte, porterebbero addirittura non entrarci mai, alleggerendo l'impatto dei ricoveri sulla rete ospedaliera abruzzese e sostenendo anche quella territoriale, di cui purtroppo in Abruzzo non si sa nulla e che sconta paurosi ritardi e mancanza di personale

Paolucci infine attacca la giunta Marsilio per il piano vaccini, che attualmente non esisterebbe e dati di vaccinazione rispetto alla popolazione che ci collocano agli ultimi posti in Italia e per questo chiede un cambio di passo per uscire dalla pandemia nel più breve tempo possibile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

  • Cura della persona

    Soap brows: come ottenere le sopracciglia “insaponate”

  • Salute

    Cos’è la stanchezza primaverile e come combatterla

Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento