rotate-mobile
Politica

Palazzi al posto del Parco Pasolini per ricostruire la Filanda Giammaria: salta la delibera

Grazie ad un emendamento del centrodestra salta l'accordo di programma che prevedeva la realizzazione di un palazzo nella zona de Le Naiadi a fronte della ricostruzione della Filanda

L'ex Filanda Giammaria non sarà ricostruita con l'accordo di programma che prevedeva in cambio dei lavori la realizzazione di un palazzo nell'area del Parco Pasolini zona Naiadi. Lo ha fatto sapere il capogruppo al Comune di Forza Italia Antonelli, a seguito del voto dell'emendamento che blocca la delibera presentata dalla giunta Alessandrini.

Antonelli esprime soddisfazione e spiega: "A gennaio scorso abbiamo informato i cittadini di quanto stava avvenendo, a partire dai residenti, convocando un’Assemblea e la città si è subito schierata a favore della tutela del Parco che non può essere merce di scambio con qualsivoglia iniziativa tesa a portare l’ennesima colata di cemento sul territorio. E i cittadini lo hanno detto chiaramente durante un sopralluogo svolto dalla Commissione nel parco a febbraio, mentre, nel frattempo, era già scattata la mobilitazione collettiva, con la raccolta di firme per una petizione, dichiarandosi pronti ad accamparsi nel parco per impedire l’arrivo di qualunque ruspa e peraltro indirizzando le proprie critiche anche verso la Regione Abruzzo che, come riportato negli atti, avrebbe dovuto finanziare l’intervento stanziando ben 1milione 300mila euro di soldi pubblici, ovvero sperperando fondi per un’opera superflua, lo sterile tentativo di riportare in vita il simbolo di un passato, l’ex Filanda, anziché dirottare somme importanti sulla messa in sicurezza delle scuole e delle strade, che stanno franando ovunque."

ABBATTUTA LA FILANDA GIAMMARIA

La delibera prevede che entro 60 giorni venga individuata un'altra possibile soluzione per l'ex Filanda, ed il centrodestra ha annunciato che continuerà a seguire da vicino l'evolversi della situazione. "È chiaro che in realtà l’approvazione della delibera oggi in aula rappresenta, paradossalmente, la sonora bocciatura dell’atto portato avanti dal sindaco Alessandrini e dall’assessore Civitarese perché la maggioranza è stata costretta a riscrivere da zero il dispositivo cambiando non la forma, ma azzerando proprio la sostanza e proponendo una delibera completamente nuova. Ovviamente il centro-destra ha comunque votato contro la delibera perché riteniamo inaccettabile pensare di spendere comunque 1milione 300mila euro per la ricostruzione dell’ex Filanda demolita, un’operazione populista e demagogica, tesa solo ad accontentare qualche associazione o politicamente amica vicina".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzi al posto del Parco Pasolini per ricostruire la Filanda Giammaria: salta la delibera

IlPescara è in caricamento