Nuova ordinanza per il Coronavirus a Pescara, i divieti restrittivi previsti a Pasqua

L'obiettivo del provvedimento è quello di evitare che ci siano troppe persone in strada nei giorni di festa e dunque contenere il diffondersi del Covid-19 (Coronavirus)

Il sindaco di Pescara, Carlo Masci, ha firmato una nuova ordinanza che impone divieti molto restrittivi in vista delle imminenti festività di Pasqua.
L'obiettivo del provvedimento è quello di evitare che ci siano troppe persone in strada nei giorni di festa e dunque contenere il diffondersi del Covid-19 (Coronavirus).

Vengono interdette, da venerdì 10 aprile, strada-parco, spiaggia e transito sul lungomare. La decisione, presa in accordo con prefetto, questore e sindaco di Montesilvano, è stata presa per la situazione di emergenza nel capoluogo adriatico dovuta all’epidemia da Covid 19, con percentuali di nuovi positivi e ammalati ancora alte, e le continue segnalazioni di violazioni delle norme sui comportamenti da seguire per contrastare la diffusione del contagio. 
L'ordinanza «rappresenta un giro di vite finalizzato a tutelare la salute pubblica in occasione dell’imminente “ponte pasquale” e soprattutto a far sì che gli sforzi finora compiuti dalla popolazione, per la stragrande parte seria e responsabile, non vengano vanificati».

Queste le limitazioni previste da venerdì 10 aprile a lunedì 13 aprile compreso:

  • interdizione assoluta al transito pedonale sui marciapiedi del lungomare di Pescara, dal confine con il comune di Montesilvano al confine con il comune di Francavilla al Mare, compreso il ponte del Mare, con deroga per quanti debbano accedere o uscire dalla propria residenza, domicilio o abitazione posti su questo tratto di strada;
  • interdizione assoluta al passaggio di acceleratori di velocità e velocipedi (biciclette, ciclomotori o mezzi a trazione elettrica) sulla pista ciclabile del lungomare e in tutto il tracciato compreso tra i confini con Montesilvano e Francavilla, compreso il ponte del Mare;
  • interdizione assoluta al transito pedonale, di velocipedi e acceleratori di velocità sia sulla pista ciclabile che sul tracciato della Strada-Parco, con deroga per quanti debbano accedere o uscire dalla propria residenza, domicilio o abitazione posti su questo tratto di strada;
  • divieto tassativo di accedere su tutte le spiagge del litorale cittadino compreso tra i comuni confinanti di Montesilvano e Francavilla;
  • è inoltre negato ogni permesso di stazionare sulle aree verdi del territorio comunale e zone esterne alle carreggiate viarie, ciò al di fuori delle previsioni di chiusura al pubblico di parchi e aree verdi dotati di recinzione, e sui siti delle riserve Pineta Dannunziana e e Pineta Santa Filomena.

Le sanzioni previste sono comprese tra 400 e 3000 euro. Infine, l’amministrazione comunale ha richiesto all’Autorità Portuale di procedere alla chiusura con divieto di accesso per le persone anche sui moli nord e sud, sulle banchine e nell’area del porto turistico Marina di Pescara.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • I gilet arancioni manifestano a Pescara: “Cacciare Conte, sì a un nuovo parlamento”

  • Tragedia nell'ospedale di Pescara, uomo precipita dal settimo piano e muore

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

  • Recuperata auto rubata a Pescara dopo inseguimento su autostrada A14 con veicolo abbandonato in discesa

Torna su
IlPescara è in caricamento