Politica

Il neo assessore alla Cultura Carota: "C'è tanto da fare, un grazie a chi mi ha preceduta"

Stamattina in Comune la presentazione ufficiale: "La cultura è contenuti e contenitori, sto facendo una ricognizione delle strutture, porteremo le idee migliori per rilanciare la città"

“Chi mi ha preceduto ha fatto un lavoro prezioso che purtroppo ha avuto degli stop necessari per l'emergenza sanitaria ancora in corso. C'è bisogno di tornare ad investire sulla cultura portando avanti iniziative sia con gli operatori della zona, ma anche di più largo respiro oltre i confini della città. C'è tanto da fare. Abbiamo necessità di ripartire perché con la cultura si riparte alla grande e si riescono a dare gli stimoli necessari. Confidiamo nel Pnrr per poter operare delle modifiche anche alle strutture. La cultura è fatta di contenuti e di contenitori. Sto iniziando a fare una ricognizione generale e confido nelal collaborazione di tutti per far trovare le migliori idee per far ripartire Pescara”.

Così alla stampa Maria Rita Carota, nel giorno in cui si presenta come nuovo assessore alla cultura della città prendendo il posto di Mariarita Paoni Saccone cui non fa mancare il suo ringraziamento, così come tutta l'amministrazione a cominciare dal sindaco Carlo Masci. Accanto a lei, nella sala consiliare, non solo la Saccone e Masci, ma buona parte della giunta, il presidente del consiglio comunale Marcello Antonelli e il capogruppo della Lega Vincenzo D'Incecco. “Questa – ha aggiunto Carota – è la giornata in cui inizio formalmente il mio lavoro nell'assessorato. Sono molto orgogliosa e soddisfatta per aver ottenuto la stima dell'amministrazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il neo assessore alla Cultura Carota: "C'è tanto da fare, un grazie a chi mi ha preceduta"
IlPescara è in caricamento