Sabato, 13 Luglio 2024
Politica

Opposizioni contro la nuova numerazione civica a Montesilvano Colle: "Spesa assurda e inutile: tanti disagi per i cittadini"

Sono oltre 1.700 le targhette in fase di sostituzione e e cambiano i nomi di alcune vie e piazza, ma per Partito democratico e Movimento 5 Stelle la scelta dell'amministrazione è inspiegabile così come quella di affidare i lavori a una ditta esterna: chiesta una commissione servizi

Per i consiglieri comunali del Partito democratico e del Movimento 5 Stelle è un'operazione dannosa e inutile quella attuata dall'amministrazione comunale di Montesilvano che nella zona del Colle ha avviato i lavori di aggiornamento della toponomastica con il riposizionamento di 1.730 numeri civici cui seguirà un altro intervento che ne interesserà altrettanti. Per questo i consiglieri dem Enzo Fidanza, Romina Di Costanzo e Antonio Saccone e da quelli del M5s Gabriele Straccini e Giovanni Bucci hanno formalizzato la richiesta di convocazione di una commissione servizi annunciando anche l'intenzione di portare il caso in commissione garanzia per fare chiarezza sulla procedura di affidamento.

Secondo quanto da loro riferito infatti, non solo i cittadini non avrebbero avuto alcun preavviso sull'avvio delle attività di cambio della numerazione civica annunciate a maggio, ma ad essere discutibile sarebbe anche il fatto che “l’avventata scelta dell’amministrazione di voler procedere motu proprio”, dichiarano congiuntamente, sia passata per la decisione di affidare esternamente, con una determinazione dirigenziale, il lavoro dell'aggiornamento della toponomastica ad una ditta quando sarebbe stato preferibile optare, sostengono, “per una gestione interna del servizio, con il suo know-how a costi di molto inferiori”. L'occasione per ricordare che “la richiesta di attribuzione e aggiornamento di prassi è un lavoro generalmente svolto in maniera congiunta dagli uffici comunali che investe l’anagrafe, l’ufficio elettorale, Ici, Tarsu, il messo notificatore e gli uffici di urbanistica, tenutari del piano topografico stabilito in occasione dell’ultimo censimento Istt 2020. Questo per evitare il più possibile di arrecare disagi all’utente”. “Ci chiediamo dunque - dicono ancora - quali saranno le conseguenze pratiche per gli utenti, quali le reali necessità”. 

“Sconcertante” quindi per le opposizioni “apprendere da molti nostri concittadini residenti nel borgo di Montesilvano Colle del disagio che stanno vivendo. Sarebbero altre le priorità per la città, anche per il borgo stesso, che proprio recentemente ha subito la chiusura dell’ufficio di delegazione comunale, motivata da ragioni di risparmio economico e il cui mantenimento, oltre ad avere un importante valenza storica e culturale, era davvero irrisorio a fronte di una spesa di circa 49 mila euro per questo intervento davvero inutile”, aggiungono sottolineando che “nell’area individuata non si registrano anomalie nella numerazione civica, diversamente da altre aree della città, quali quelle presenti ad esempio in Via Verrotti”.

Ad essere “paradossale” anche “la superficialità”, incalzano i consiglieri di Pd e M5, con cui sarebbe stato eseguito il lavoro. “E' il caso delle numerazioni civiche che fanno riferimento a piazza Umberto I che a Montesilvano è stato ribattezzato come Umberto Primo o via Vittorio Emanuele II che è diventato semplicemente via Vittorio Emanuele”.

“Inoltre non possiamo non evidenziare le nostre perplessità circa la decisione di effettuare una rilevazione e redazione del piano della toponomastica con aggiornamento cartografico e anagrafico di parte dell’abitato del centro storico in un momento storico inopportuno – concludono Fidanza, Di Costanzo, Saccone, Straccini e Bucci -, quasi a fine legislatura e soprattutto nel vivo del processo di fusione che, come noto con la Nuova Pescara, imporrà in un futuro imminente una revisione toponomastica di tutta la nuova realtà urbana che si andrà a definire”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Opposizioni contro la nuova numerazione civica a Montesilvano Colle: "Spesa assurda e inutile: tanti disagi per i cittadini"
IlPescara è in caricamento