menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carmine Salce, direttore della Cna di Pescara

Carmine Salce, direttore della Cna di Pescara

Nuova Pescara, Salce (Cna): “Accelerare l’iter di fusione”

Audizione all'Emiciclo, in consiglio regionale, del direttore della Confederazione degli artigiani di Pescara: "Troppo lontano il 2019. E l'idea dell'unione rischia di rappresentare un salto indietro"

«L’atto di nascita della nuova realtà comunale unica deve essere accelerato rispetto alle previsioni attuali. E l’idea di unione, anziché di fusione, rischia di rappresentare un passo indietro sostanziale rispetto alla volontà espressa dai cittadini attraverso il referendum».

Lo ha detto il direttore della Cna di Pescara, Carmine Salce, intervenuto ieri pomeriggio all’Aquila ai lavori della commissione “Bilancio, Affari generali e istituzionali” del Consiglio regionale, dedicati alla discussione dei tre progetti di legge riguardanti l’istituzione del Comune di Nuova Pescara.

Salce ha partecipato all’incontro con altri sostenitori del progetto di unificazione di Pescara, Montesilvano e Spoltore, ovvero il dirigente di Confindustria Chieti-Pescara, Teodoro Ivano Calabrese, e il presidente della Fondazione Pescarabruzzo, Nicola Mattoscio.

Ai componenti della commissione, il direttore della Cna di Pescara ha ricordato il vasto consenso popolare al progetto, espresso attraverso il referendum consultivo del 2014, ha sottolineato come da data fissata per l’atto di nascita del nuovo Comune dai due disegni di legge presentati dalla maggioranza (il terzo è del Movimento 5 Stelle) sia fissato in una data troppo lontana, l’1 gennaio del 2019.

«A nostro avviso - ha affermato Salce - la data della fusione va considerata come un punto di partenza della nuova programmazione».

Critico, il direttore della Cna, anche su un altro passaggio: quello previsto – sempre nei testi di maggioranza – attraverso il tortuoso percorso dell’unione, perché «può vanificare quanto fatto fino ad ora per il raggiungimento dell’obiettivo principale». A preoccupare Salce, infine, è l’atteggiamento assunto all’interno di alcuni consigli comunali interessati, improntato sulla scarsa collaborazione.

«Senza la previsione di un obbligo specifico e di relative sanzioni - ha concluso il direttore della Cna di Pescara - si rischia di contravvenire a quanto manifestato dalla volontà popolare».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento