rotate-mobile
Politica

Nuova Pescara, spiragli positivi dal Governo: domani nuovo incontro per i dettagli dell'intesa interistituzionale

La delegazione che ha incontrato oggi 16 febbraio il ministro Lamorgese è rimasta soddisfatta dall'esito del vertice che si è tenuto a Roma

Soddisfazione per l'esito dell'incontro avvenuto oggi 16 febbraio a Roma fra la delegazione "pro fusione" e il ministro Lamorgese in merito alla questione della nascita della Nuova Pescara, il comune metropolitano che unirà Pescara, Spoltore e Montesilvano. I partecipanti, ovvero i senatori Nazario Pagano e Luciano D’Alfonso, il presidente del consiglio comunale di Pescara Marcello Antonelli, il promotore del Sì referendario alla “Nuova Pescara”, Carlo Costantini, il presidente della commissione statuto Nuova Pescara Enzo Fidanza e dal presidente della commissione comunale statuto e regolamenti Claudio Croce, hanno parlato di spiragli positivi dal Governo per trovare un accordo relativo ad alcune importanti e delicate questioni che stanno rallentando l'iter per il processo di fusione dei tre comuni.

Il membro del Governo ha infatti espresso piena apertura rispetto all’individuazione di soluzioni alle criticità che da tempo hanno determinato il rallentamento del percorso costituente del nuovo soggetto istituzionale. Lo stesso ministro si è  infatti espresso a favore di un sistema di municipi, con la previsione di una formula più rappresentativa e garantista per le comunità e per i Comuni che entreranno a far parte della Nuova Pescara. Le altre questioni prese in esame sono quelle relative agli aspetti giuridici ed economici che i componenti delle commissioni dovranno affrontare durante le sedute per arrivare ad uno statuto e regolamenti. Fino ad ora, infatti, a causa dei limiti normativi, non avevano potuto garantire la loro presenza. Problemi anche per le risorse da destinare al finanziamento preventivo dell'operazione per le procedure amministrative necessari ad allineare le attività gestionali e le funzioni giuridiche delle amministrazioni comunali coinvolte. Nei primi anni della Nuova Pescara, infine, serviranno risorse economiche per accompagnare il nuovo soggetto amministrativo, al fine di garantire il funzionamento della futura e più grande macchina amministrativa. Domani 17 febbraio si terrà un nuovo incontro, in videoconferenza, per discutere proprio di questi dettagli indispensabili per arrivare all'intesa interistituzionale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Pescara, spiragli positivi dal Governo: domani nuovo incontro per i dettagli dell'intesa interistituzionale

IlPescara è in caricamento