rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Politica

Notte Bianca del Mediterraneo, Pescara Mi Piace: "Folle spendere 24 mila euro per una sera"

Pescara Mi Piace attacca l'amministrazione comunale in merito alla questione delle spese relative alla Notte Bianca del Mediterraneo di sabato scorso. "Un salasso per i cittadini, spesi 24 mila euro per una notte"

Pescara Mi Piace, movimento politico cittadino guidato dall'ex vicesindaco Fiorilli, attacca l'amministrazione comunale in merito alla questione della Notte Bianca del Mediterraneo di sabato scorso, soprattutto per quanto concerne l'aspetto delle spese.

Come può una pubblica amministrazione, ovvero il Comune di Pescara, che ha dichiarato il predissesto, imponendo a tutti i cittadini il pagamento di tasse al massimo, permettersi di spendere ben 23mila 750 euro per l’organizzazione di una ‘sola’ Notte Bianca? Com’è possibile che l’Ufficio Ragioneria del Comune, che non paga le imprese che da mesi hanno concluso i lavori sul nostro territorio, abbia autorizzato la giunta Alessandrini a spendere ben 11mila euro solo per il Concerto di Raf? E soprattutto: perché è il Comune a pagare gli eventi e non gli sponsor che la stessa amministrazione dice di aver reperito con un bando? I pescaresi dimenticheranno molto difficilmente l’evento previsto per questa sera a Pescara, ma non solo per le difficoltà che avremo sul traffico, per la chiusura di quasi cento strade su tutta la città, ma soprattutto per i costi della manifestazione che non sarà affatto gratuita”. ha dichiarato Fiorilli aggiugendo che l'evento in realtà non è stato gratuito per i citadini, viste le spese sostenute.

"Se il Comune è in predissesto, come ha fatto il dirigente della Ragioneria ad autorizzare la giunta a spendere ben 11mila euro solo per un concerto, in una città in cui sono state abolite tutte le agevolazioni impositive anche agli indigenti, in quanto il nostro Ente sarebbe a rischio default? Com’è possibile che l’Ufficio Ragioneria abbia ritenuto congruo salassare i pensionati con la Tari, l’Imu e la Tasi, e poi far buttare 11mila euro per un concerto? E perché piuttosto non ha semplicemente consigliato alla giunta di puntare su un unico evento, quello di Karima, dai costi più contenuti e abbordabili per un Comune in difficoltà? Ma le assurdità non sono finite, perché per la Notte Bianca il Comune ha concesso l’occupazione del suolo pubblico gratuita a tutte le attività commerciali del lungomare e traverse, oltre che delle piazze occupate per gli eventi, rinunciando all’incasso di migliaia di euro, sempre in un Comune in predissesto! E non basta: alla spesa finale, infatti, si sono aggiunti altri 1.342 euro, disposti con le determine 124 e 129, che andranno alla ditta Sebach Srl per il posizionamento e la rimozione delle 130 transenne che verranno installate per la chiusura delle 100 strade cittadine, altra spesa ingiustificabile per un’operazione che per cinque anni abbiamo sempre garantito, per tutti gli eventi, gratuitamente avvalendoci degli operai del Comune, della Polizia municipale e dei volontari della Protezione Civile" conclude Fiorilli annunciando di voler approfondire la questione eventualmente anche davant alla Corte dei Conti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte Bianca del Mediterraneo, Pescara Mi Piace: "Folle spendere 24 mila euro per una sera"

IlPescara è in caricamento