Politica Penne

“Noi con Salvini” dice no all’arrivo dei profughi a Manoppello e Penne

I coordinatori Parlante e Di Nicola: "Che cosa faranno queste persone? Quali controlli verranno fatti? E' una situazione assurda. Basta con il buonismo della falsa accoglienza umanitaria"

Noi con Salvini Abruzzo si schiera al fianco dei cittadini di Manoppello e di Penne contro l’annunciato arrivo di presunti profughi nei due succitati territori comunali.

E’ una situazione assurda quella che oggi i cittadini di Manoppello e di Penne sono tenuti a subire. Assurda perché, contrariamente alla loro volontà – interviene Daniele Parlante, coordinatore cittadino, e Rosaria Di Nicola, coordinatrice organizzativa della provincia di Pescara – sarebbero obbligati ad accettare ciò che non vogliono. Basta con il buonismo della falsa accoglienza umanitaria, non possiamo più accettare che le nostre città siano obbligate ad “ospitare” persone che non fuggono da guerre e persecuzioni ma che giungono nel nostro paese perché non vogliono più stare a casa loro. Non bisogna più chiamarla accoglienza umanitaria, semmai è un’accoglienza monetaria a vantaggio delle solite cooperative”.

A MONTESILVANO SI INAUGURA LA CASA DELLA SOLIDARIETA'

Nei due Comuni del pescarese in questione è previsto l'arrivo di quasi 80 cittadini stranieri, richiedenti protezione internazionale. I suddetti cittadini alloggeranno in strutture dismesse da anni, gestite da cooperative. “Che cosa faranno? Quali controlli verranno fatti? Sono alcuni degli interrogativi che gli abitanti di Manoppello si domandano e ai quali nessuno darà una risposta – dichiarano Daniele Parlante e Rosaria di Nicola – Noi diciamo no all’arrivo dei presunti profughi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Noi con Salvini” dice no all’arrivo dei profughi a Manoppello e Penne

IlPescara è in caricamento