rotate-mobile
Politica

Una delegazione di 30 statunitensi del Niaf alla scoperta delle bellezze e delle loro origini abruzzesi

Ad accogliere la delegazione della National Italian American Foundation il presidente del consiglio regionale Lorenzo Sospiri

Una delegazione di 30 statunitensi della National Italian American Foundation (Niaf) provenienti da New York e Filadelfia ha iniziato oggi la visita di tre giorni in Abruzzo. La prima tappa è stata una cerimonia d'accoglienza nel palazzo dell'Emiciclo, sede del consiglio regionale, alla presenza del presidente Lorenzo Sospiri che li ha accolti aprendo le porte della sede aquilana, conducendo il gruppo attraverso gli spazi dell'Emiciclo: dal giardino d'inverno, alla biblioteca, fino all'evento istituzionale ospitato dentro l'aula consiliare “Sandro Spagnoli”. Obiettivo della visita, far scoprire agli ospiti le bellezze d'Abruzzo che è la terra d'origine dei loro padri e dei loro nonni.

Il presidente Sospiri ha esaltato le bellezze dell’Abruzzo e invitando i presenti ad osservare il tetto dell’aula, che rappresenta una nave rovesciata, ha sottolineato la particolarità del territorio
abruzzese: “Mare e montagna uniti in una regione che sta dando tanto all’Italia e all’Europa”. Ai saluti si è aggiunto anche il presidente della Regione, Marco Marsilio, affiancato dall’assessore Nicoletta Verì e dal sottosegretario Umberto D’Annuntiis, e i vertici delle istituzioni provinciali e comunali. L’evento è stato organizzato in collaborazione con il Cram (Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo), rappresentato dal consigliere regionale, Sara Marcozzi.
Ricordiamo che qualche settimana fa lo stesso presidente Marco Marsilio era stato in visita negli Stati Uniti e proprio a Filadelfia era stato accolto dal Niaf dove gli era stata donata anche una rappresentazione in miniatura della "Liberty Bell".

Incontro Niaf sede consiglio regionale

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una delegazione di 30 statunitensi del Niaf alla scoperta delle bellezze e delle loro origini abruzzesi

IlPescara è in caricamento