Politica

La trasformazione del mercato di piazza Muzii finisce in commissione controllo e garanzia

Il presidente Piero Giampietro: “Due terzi dello stabile a un negozio di alta moda, il progetto non convince”

La trasformazione del mercato di piazza Muzii finisce in commissione controllo e garanzia. Il presidente Piero Giampietro ha infatti convocato l’assessore alle attività produttive Cremonese, il dirigente del settore sviluppo economico e il responsabile del servizio mercati per conoscere i dettagli: “Due terzi dello stabile verrebbero destinati a un negozio di alta moda, ma il progetto non convince”, spiega Giampietro, "perché così l’ingresso del mercato verrebbe spostato sulle vie laterali, con la riduzione dello spazio per i banchi. Da un primo calcolo almeno 7 banchi dovranno spostarsi. Grazie al supporto degli uffici abbiamo poi compreso che la struttura ha comunque bisogno di lavori di adeguamento che richiederebbero tempi, costi e procedure complesse a carico del privato".

I dubbi, fa sapere Giampietro, riguardano la scelta di percorrere la strada del project financing a iniziativa pubblica anziché a iniziativa privata, "pur essendo di fronte ad un progetto presentato da un privato e già noto a tutti". E poi "il rischio concreto" è che l'azienda "abbia la forza di assorbire al suo interno molti dei marchi oggi distribuiti dai negozi indipendenti del centro di Pescara e non solo, senza grandi vantaggi per i consumatori sul piano del prezzo ma generando un impoverimento complessivo dell’offerta commerciale pescarese già alle prese con una crisi che arriva da lontano". Infine il mercato rionale "uscirebbe da questo intervento più piccolo e meno visibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La trasformazione del mercato di piazza Muzii finisce in commissione controllo e garanzia

IlPescara è in caricamento