rotate-mobile
Politica

Il cordoglio del mondo della politica per Juan Carrito: "Era un simbolo dell'Abruzzo, ci mancherà"

L'orso viene pianto dal sindaco di Pescara Carlo Masci, dal governatore Marsilio e dal suo predecessore D'Alfonso, dall'ex senatrice Pezzopane e dal segretario di Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo

È unanime il cordoglio da parte del mondo della politica per la morte dell'orso Juan Carrito, avvenuta ieri pomeriggio lungo la statale 17, all'altezza di Castel di Sangro. Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, dice di aver appreso "con grande dolore" la notizia "dell'investimento mortale di Juan Carrito, l'orso marsicano più famoso e amato d'Abruzzo". E aggiunge: "L'orso è stato investito da un residente del luogo. Il presidente della provincia e sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, mi ha informato dell'evento, inviandomi dei video in cui si vedeva l'orso pesantemente colpito. La sua perdita rattrista non solo l'Abruzzo ma il mondo intero, che ha scoperto l'Abruzzo e la bellezza degli orsi attraverso i numerosi video che lo ritraevano sin da cucciolo con i suoi fratelli e l'orsa Amarena".

Il sindaco di Pescara, Carlo Masci, si rivolge così allo sfortunato animale: "Juan Carrito, rimarrai sempre nei nostri cuori, di noi abruzzesi del mare, tu abruzzese simbolo dei nostri monti, della nostra terra. Oggi siamo tutti più tristi". Più severo Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista ed ex consigliere regionale, secondo il quale "Juan Carrito è stato ucciso dal menefreghismo delle istituzioni. «Da tempo è evidente la necessità di porre adeguati limiti di velocità sui rettilinei che attraversano le zone dell’orso»: è una citazione da un'interrogazione che presentai in consiglio regionale, con Totò Saia nel 2012, in cui chiedevamo di mettere in moto «immediatamente tutti gli interventi finalizzati all’eliminazione della mortalità per cause antropiche». Da anni si sa cosa va fatto ma non si fa".

L'ex senatrice Stefania Pezzopane definisce Juan Carrito "il simbolo bello e potente di un Abruzzo genuino antico e fragile". Per il parlamentare del Pd Luciano D'Alfonso, ex governatore, "la notizia della morte dell’orso Juan Carrito, divenuto per tutti mascotte della nostra regione, è motivo di tristezza per tutti noi abruzzesi e non solo. Lo ricorderemo per la sua natura irriverente e libera, con cui si è presentato all’Abruzzo e al mondo. Un pensiero va anche all’automobilista, divenuto purtroppo protagonista di un'inevitabile fatalità. Ciao Juan Carrito!".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cordoglio del mondo della politica per Juan Carrito: "Era un simbolo dell'Abruzzo, ci mancherà"

IlPescara è in caricamento