Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica

La morte di Roberto Straccia finisce in audizione dalla commissione parlamentare antimafia

Appuntamento oggi alle ore 18 in diretta web tv. La commissione sentirà l'avvocato Marilena Mecchi. Il giovane marchigiano scomparve da Pescara il 14 dicembre 2011. Fu ritrovato senza vita a inizio gennaio del 2012

La morte di Roberto Straccia finisce in audizione dalla commissione parlamentare antimafia. Oggi, 2 febbraio, alle ore 18 la commissione di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, sentirà l'avvocato Marilena Mecchi sui fatti inerenti al decesso del giovane marchigiano, sparito da Pescara nel pomeriggio del 14 dicembre 2011 e ritrovato senza vita nelle acque di Bari il 7 gennaio 2012, esattamente un decennio fa.

Per anni la morte di Straccia è stata associata a un suo presunto gesto volontario, e solo negli ultimi tempi ha iniziato a farsi strada l'ipotesi che sia stato in realtà ucciso a causa di un tragico scambio di persona. Adesso le istituzioni hanno deciso di provare a fare luce, definitivamente, su questa spinosa vicenda. L'interrogazione, che si terrà nella Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto, verrà trasmessa in diretta web tv. La scomparsa di Roberto destò molta commozione nella nostra città. Il ragazzo, originario di Moresco, in provincia di Fermo, all'epoca aveva poco meno di 24 anni. Lasciò la sorella Lorena, la madre Rita e il padre Mario. Quest'ultimo, in particolare, è diventato pian piano un simbolo, sia per la sua ostinata ricerca della verità sulla drammatica fine del figlio sia perché ha più volte partecipato a iniziative benefiche tenutesi nel capoluogo adriatico. 

L'assessore Luigi Albore Mascia, che all'epoca dei fatti era sindaco di Pescara, volle partecipare di persona ai funerali di Roberto Straccia per "testimoniare affetto nei confronti della sua famiglia che oggi più che mai ha bisogno di non essere lasciata sola, ma di continuare a sentirci vicini. Con loro, con mamma Rita e papà Mario ancora continuiamo a chiedere agli inquirenti la verità: vogliamo sapere cos’è successo a Roberto quel 14 dicembre, abbiamo bisogno di chiarezza e di fare piena luce sulla vicenda". 

Mascia poi aggiunse: "Ancora oggi riteniamo impensabile che un ragazzo nel fiore degli anni, in salute, pieno di amici, dal volto sempre sorridente, amante dello sport, a pochi passi dalla laurea, con una straordinaria famiglia accanto, sia scomparso nel nulla, senza lasciare una traccia, un indizio, per poi riapparire nel modo più drammatico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La morte di Roberto Straccia finisce in audizione dalla commissione parlamentare antimafia
IlPescara è in caricamento