Sabato, 25 Settembre 2021
Politica

Pescara piange Carlo Lizza, fu assessore alla cultura e vicesindaco

Il cordoglio del sindaco Alessandrini sulla scomparsa dell'80enne: "Pescara perde un concittadino e un amministratore che si è messo al servizio della città con impegno e passione". Camera ardente allestita in Comune

A 80 anni è morto questa notte l'avvocato Carlo Lizza, ex assessore comunale alla cultura ed ex vice sindaco. Originario di Pianella, dopo la laurea in Giurisprudenza si era trasferito a Pescara. E' stato assessore comunale alla cultura e vicesindaco, nonchè presidente dell'Ente Manifestazioni Pescaresi. Fu per merito suo che si edificò il teatro D'Annunzio. Il consiglio comunale odierno si è aperto con un minuto di silenzio in segno di cordoglio per la scomparsa di Lizza.

La camera ardente verrà allestita nel pomeriggio di oggi presso la Sala Consiliare. “Ci siamo doverosamente fermati per celebrare la figura di un concittadino e di un amministratore che si è messo a servizio della Città in uno dei periodi storici più importanti per la sua crescita – così il sindaco Marco Alessandrini – Lizza, sia nella carriera politica che lo ha visto anche vice sindaco, che negli altri ambiti della sua vita personale e professionale, è stato una voce del sociale, dell’ambiente, dello sviluppo, ma soprattutto un promotore della cultura per la città”.

"Grazie a lui - aggiunge Alessandrini - Pescara ha conosciuto tradizioni fondamentali in tal senso, a partire dal Festival del Jazz, di cui ha perorato la nascita e il consolidamento come Presidente dell’Ente Manifestazioni Pescaresi ed ha avuto uno stimolo e una voce costantemente impegnata nella promozione della cultura e della storia della città e delle sue origini. Alla famiglia, a sua figlia Letizia, al genero e collega Luigi Albore Mascia, le condoglianze dell’Amministrazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara piange Carlo Lizza, fu assessore alla cultura e vicesindaco

IlPescara è in caricamento