menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercato di via Pepe: sfrattati 11 ambulanti italiani, arrivano 50 extracomunitari

Forza Italia, con il capogruppo alla Regione Sospiri, solleva il caso delle revoche delle autorizzazioni per 11 operatori italiani che non hanno pagato regolarmente la tassa, mentre fra poche settimane arriveranno 50 ambulanti del mercatino etnico

Ennesimo caso di "razzismo al contario" secondo Forza Italia che, con il capogruppo alla Regione Sospiri, denuncia la revoca delle autorizzazioni per 11 ambulanti storici del mercato di via Pepe, a fronte dei 50 posti per gli ambulanti extracomunitari del mercatino etnico.

Gli ambulanti a cui è stata revocata la concessione non hanno infatti pagato regolarmente la Cosap, accumulando un debito nei confronti del Comune di Pescara che va da un minimo di 1.512 euro sino a un massimo di 4mila euro che è il caso limite di un unico ambulante, titolare di licenza dal 2003. La media del debito si aggira invece sui 1.500-2000 euro per ciascun operatore.

A giorni, invece, precisamente il 13 maggio, scadrà invece il bando per la gestione degli stalli destinati agli extracomunitari nei mercati cittadini, per eliminare così il mercatino di via de Gasperi.

"L’ennesimo atto scellerato della giunta Alessandrini: ovviamente le imposte vanno pagate, ma le devono pagare tutti e tutti alle stesse condizioni. E soprattutto  a fronte di una difficoltà oggettiva, come il mancato pagamento della Cosap, a fronte di debiti pari a 1.500 euro, un sindaco non può semplicemente revocare le licenze di vendita e mettere sulla strada dei padri di famiglia: piuttosto il sindaco avrebbe dovuto convocare quegli ambulanti, capire il perché della loro morosità, prendere atto di una crisi economica che sta strozzando soprattutto le piccole imprese, ambulanti compresi, e aprire la strada a piani di rientro personalizzati, concedendo a quegli operatori la possibilità di mantenere il proprio posteggio, e di continuare a lavorare per rimettersi in sesto e coprire il proprio debito" ha dichiarato Sospiri, chiedendo la revoca della sospensione delle concessioni per gli ambulanti morosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento