Politica

Mercato di San Giuseppe fermo da mesi: "Basterebbe una delibera comunale per riattivarlo"

È quanto denunciano il consigliere regionale Blasioli e i consiglieri comunali Giampietro e Catalano, ricordando che quel mercato contadino esiste dagli anni '70 ed è andato avanti fino all’emergenza Covid, quando poi tutto si è arenato

Il mercato di San Giuseppe è fermo da mesi. E pensare che "basterebbe una delibera comunale per riattivarlo". È quanto denunciano il consigliere regionale Blasioli e i consiglieri comunali Giampietro e Catalano, ricordando che quel mercato contadino esiste dagli anni '70 ed è andato avanti fino all’emergenza Covid, quando poi tutto si è arenato.

“Torneremo a pressare l’amministrazione comunale perché nei prossimi 15 giorni provveda all’approvazione della delibera di Giunta – dice Stefania Catalano – Si tratta di un problema facilmente risolvibile, bisogna solo mettere nero su bianco la soluzione. Se non ci saranno sviluppi a breve, non escludiamo altre manifestazioni con i residenti per le vie del quartiere, perché è dalla gente che arriva la richiesta del mercato”.

Piero Giampietro, capogruppo del Pd in consiglio comunale, aggiunge: “Il mercato quotidiano è nato con le case popolari, si svolge da decenni ed è stato istituzionalizzato con due atti: una delibera di giunta del 1988 e il regolamento comunale dei mercati del 2009. Ora, dopo l'emergenza Covid, in assenza di un'ulteriore delibera di giunta è piombato da 3 mesi nell'incertezza, con i clienti che non hanno alcuna sicurezza sul suo svolgimento e con gli operatori del tutto disorientati. Basta una semplice delibera: gli uffici sono sovraccarichi, ma è la giunta che deve indicare le priorità e, dopo 3 mesi, è giunto il tempo di intervenire”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato di San Giuseppe fermo da mesi: "Basterebbe una delibera comunale per riattivarlo"

IlPescara è in caricamento