rotate-mobile
Politica

Mense scolastiche, nuova proroga alla Serenissima: slitta l'udienza davanti al Tribunale regionale amministrativo

Lo fa sapere l'assessore comunale alla Pubblica istruzione Gianni Santilli rimarcando che la priorità resta quella di dare continuità al servizio. L'udienza, specifica la determina dirigenziale con è stata decisa l'ennesima proroga, si sarebbe dovuta svolgere il 10 maggio e deve ora essere di nuovo calendarizzata

Si conclude con ancora La Serenissima in capo al servizio di refezione l'anno scolastico per gli alunni delle scuole comunali. Disposta con apposita determina dirigenziale l'ennesima proroga tecnica, dal 18 maggio al 30 giugno, dato che, fa sapere l'assessore comunale alla Pubblica istruzione Gianni Santilli, il Tar (Tribunale amministrativo regionale) di Pescara non ha ancora calendarizzato l'udienza di merito sul ricorso presentato proprio dalla società classificatasi seconda nel bando da quasi 19 milioni di euro espletato dal Comune e che ha visto l'assegnazione del servizio alla Rete temporanea di imprese Elior-Sh. L'udienza, specifica la determina dirigenziale, era fissata per il 10 maggio.

“Persistendo l’effetto preclusivo alla stipula del contratto nei confronti della ditta aggiudicataria – spiega in una nota l'assessore comunale uscente - ci si è preoccupati di garantire il regolare funzionamento del servizio di ristorazione scolastica per le scuole primarie di primo e secondo grado e per le scuole dell'infanzia e i nidi comunali fino al 30 giugno 2024, secondo quanto disposto dal calendario scolastico regionale, attivandosi immediatamente con un'ulteriore proroga alla Serenissima”. “La priorità – torna a ribadire - è quella di non interrompere nemmeno di un giorno il servizio prestato e quindi in tal senso si è proceduto”.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Un tema su cui nel corso dell'anno forte è stato lo scontro politico prima sulle nuove tariffe che entreranno in vigore se e quando (dipende tutto dall'iter giudiziario e anche un eventuale ricorso al consiglio di Stato da parte di chi non vedrà riconosciute le sue ragioni), il nuovo gestore sarà effettivamente operativo. Uno scontro risoltosi in parte poi con la calmierazione delle stesse possibile con lo stanziamento di nuove risorse e poi spostatosi proprio sul tema delle proroghe.

L'importo dell'affidamento che si concluderà, salvo nuove proroghe e nell'attesa dell'udienza davanti al Tar, è di 169mila 786 euro Iva inclusa per il periodo considerato e cioè dal 18 maggio al 30 giugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mense scolastiche, nuova proroga alla Serenissima: slitta l'udienza davanti al Tribunale regionale amministrativo

IlPescara è in caricamento