Politica

Il sindaco Masci sulla visita di Mattarella a Pescara: "Onorati della sua presenza in un giorno storico per la città"

Il primo cittadino ha ringraziato il presidente della Repubblica arrivato in città per l'inaugurazione dell'Imago Museum: "Pescara sta vivendo una nuova primavera culturale"

Il sindaco di Pescara Carlo Masci ha accolto con un discorso alle autorità presenti e alla cittadinanza l'arrivo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella arrivato in città per l'inaugurazione dell'Imago Museum. Il primo cittadino ha ricordato che solo pochi giorni fa la nostra città ha inaugurato un altro spazio culturale, il Museo dell'Ottocento e celebrato al Settimana Dannunziana parlando di una prorompente primavera culturale per Pescara.

Masci si è detto onorato di avere il Capo dello Stato a porgere i suoi saluti per l'evento:

"Pescara è da sempre città dinamica, che guarda l’orizzonte dalle sue bellissime spiagge, sulle quali da quest’anno sventola la Bandiera Blu, pronta ai cambiamenti e alle sfide rivolte a ciò che verrà; su questo fondò la sua
rinascita dopo le devastanti distruzioni della guerra, su questo vuole basare la propria visione di futuro. Oggi come sindaco so che Pescara è pronta a essere una moderna città europea, che alimenta le sue imprese e i suoi
commercio, che rende efficienti i suoi servizi, che vuol vincere la scommessa dell’innovazione tecnologica, che ha sviluppato la sua attrattività turistica come località di mare sempre più apprezzata e che mira a valorizzare anche il suo fiume in un’ottica di sviluppo ecosostenibile. Siamo impegnati riguardo ai passi da compiere per una vera transizione ecologica - grazie alla già avviata micromobilità urbana condivisa e a un sistema di trasporto pubblico non inquinante e intermodale. Questo rende oggi Pescara una realtà vivibile e ricca di variegate sfaccettature; un tessuto civico dove i bisogni di assistenza, di cura, di formazione delle persone sono affrontati grazie all’attività di un sistema associativo diffuso e a un importante presidio ospedaliero, dove la dura battaglia contro il Covid ha unito in un unico abbraccio il personale sanitario e tutti i pescaresi; ma, oltre a ciò, attraverso un ateneo universitario con cui è in atto una importante condivisione di valori e di obiettivi. "

Il sindaco ha proseguito aggiungendo che investire sulla cultura è fondamentale per formare il senso civico di appartenenza delle future generazioni, ringraziando tutte le associazioni culturali che operano sul territorio:

"Il presente è però per noi anche teatro di profonde ferite, che ci pongono dinanzi una strada lastricata di fatica ma che affrontiamo con determinazionenella forte convinzione che spetti a noi una considerevole responsabilità per
disegnare un avvenire migliore: l’incendio alla pineta dannunziana del primo agosto scorso ha colpito al cuore tutti i pescaresi, che a quell’area verde hanno da sempre assegnato una cifra essenziale del proprio tratto identitario. Vogliamo con tutte le nostre forze ricostruire quella pineta che porta il nome del Vate d’Italia, Gabriele d’Annunzio, il figlio più illustre di Pescara; lo facciamo e lo faremo rimboccandoci le maniche e trasformando con orgoglio alberi e vegetazione bruciata in energia positiva per il nostro rilancio, civico e ambientale; lo stesso faremo per ripartire dalla profonda crisi economica prodotta dalla pandemia negli ultimi due anni, cercando di unire in un unico
processo il ruolo delle istituzioni, delle forze sociali, le nostre vocazioni e le nostre eccellenze."

Masci infine ha ringraziato Mattarella per la sua presenza auspicando che possa portare con sì un ricordo positivo e un'attenzione speciale per tutti i pescaresi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco Masci sulla visita di Mattarella a Pescara: "Onorati della sua presenza in un giorno storico per la città"

IlPescara è in caricamento