Masci al fianco dei commercianti ed esercenti pescaresi: "Sì alle proteste pacifiche, il Governo deve ascoltarli"

Il primo cittadino interviene precisando che sarà sempre disponibile al dialogo per trovare forme di sostegno a livello locale per i gestori delle attività colpite dal dpcm

Il sindaco di Pescara Masci fa sapere di essere al fianco dei pescaresi ed in particolare degli esercenti colpiti dall'ultimo dpcm del Governo. Il primo cittadino, all'indomani della protesta avvenuta ieri sera in piazza Muzii, sottolinea come saranno sempre autorizzate proteste pacifiche e civili, segnali importanti che arrivano dal mondo economico cittadino e che non vanno sottovalutati in quanto sono gravi e sintomo di un disagio e di una preoccupazione condivisibile.

Masci poi attacca il Governo evidenziando come il nuovo dpcm sia frutto di scelte improvvise, improvvisate e improvvide.

Di fronte a un problema reale e a un disagio reale, si sono proposte soluzioni virtuali. Le serrande chiuse h24 e quelle abbassate dalle ore 18 un domani potrebbero non essere più rialzate. Non è possibile voltarsi dall’altra parte per non voler vedere, non voler sentire e non voler sapere.

I sacrifici richiesti per adeguarsi alle prescrizioni anti-Covid, che hanno comportato oneri economici di non lieve entità supportati da proprietari e gestori delle attività, sono stati dissolti con una firma su un decreto che finisce per strangolare piccole imprese e aziende familiari, distruggendo lavoro, impegno e sogni di una vita. Se il divampare della pandemia era imprevedibile, gli effetti di certe decisioni sono invece facilmente prevedibili.

Il sindaco chiede di intervenire subito ed in modo incisivo, soprattutto a livello centrale con sgravi, linee di finanziamento e un sostegno alla liquidità dell'intera filiera:

Solo così possiamo salvare bar, ristoranti, sale, palestre, microimprese che gravitano attorno a una serie di attività con ricadute su altre categorie a volte persino impensabili. Un cortocircuito insostenibile per loro e per noi.

Masci è pronto a qualsiasi incontro per proposte e scambi d'idee per trovare soluzioni e permettere a tutti di farsi sentire con il Governo per ottenere rassicurazioni circa il futuro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per il Tg1 l'Abruzzo diventa "#zonarozza": la gaffe spopola sul web

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Furto d'identità a Pescara, il caso finisce a "Le Iene" [VIDEO]

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Ha i sintomi del Covid dopo la positività del coinquilino ma il tampone arriva dopo 20 giorni, il racconto di un pescarese

Torna su
IlPescara è in caricamento