Politica

Masci visita Auschwitz durante il viaggio per il Forum internazionale in Polonia [FOTO]

Il primo cittadino è intervenuto dal 7 al 9 settembre in Polonia al XXX Forum economico di Karpacz dove si è parlato delle prospettive di sviluppo e ripresa dopo la pandemia nelle città europee

Il sindaco di Pescara Carlo Masci ha partecipato come relatore al XXX Forum economico di Karpacz,
in Polonia dal 7 al 9 settembre al quale hanno partecipato sindaci di città della Polonia, Ungheria e Grecia (Daniel Beger, Adam Mirkoczki, Miroslaw Karolczuk, Anna Zachariadou) discutendo sui temi delle trasformazioni urbane e delle conseguenze della pandemia, con prospettive di ripresa e sviluppo.

L’intervento di Masci è stato particolarmente apprezzato dal moderatore e dai relatori per la chiarezza degli
obiettivi e delle modalità per raggiungerli. Il primo cittadino ha insistito sui temi della città ripensata secondo criteri di sostenibilità e di attrattività per la qualità della vita, indirizzando la discussione dei colleghi europei. Pescara era stata d’altronde oggetto di un approfondito reportage sul principale canale della televisione polacca (TV
Polska) all’epoca della realizzazione in tempi record dell’ospedale Covid, con la diffusione in Polonia di immagini e panoramiche della città che avevano attirato l’attenzione degli organizzatori dell’evento.

Masci ha incontrato il vice ministro dell'economia Laura Castelli e l'ambasciatore italiano a Varsavia Aldo Amati, oltre a diversi diplomatici polacchi, ai rappresentanti della camera di commercio italo-polacca e al direttore dell'Istituto italiano di cultura a Cracovia Ugo Rufino, auspicando più intense relazioni con la Polonia non solo in campo economico e turistico, ma altresì culturali, e in particolare con l’Università Jagellonica che è una delle più antiche e autorevoli al mondo.

Il primo cittadino poi si è recato ad Aushwitz-Birkenau per un momento di riflessione sulla Shoah:

"Un gesto doveroso per meditare sull’orrore di ciò che è stato, e respingere ogni rigurgito di antisemitismo e di intolleranza. Vedere di persona questi luoghi di morte e di sofferenza ha un impatto emozionale ancora più forte che conoscere la storia attraverso i documentari e la lettura di libri. Ognuno, una volta nella vita, dovrebbe recarsi ad Auschwitz. Per noi pescaresi c’è un motivo in più: Pescara è stata la prima città abruzzese e tra le prime in Italia ad aderire alla celebrazione della Giornata europea della cultura ebraica, che quest’anno si terrà giovedì 7 ottobre.

Un campo di sterminio pianificato e organizzato per annientare le persone nella loro dignità e per ucciderle come bestie al macello. Le valigie con i nomi, gli occhiali, le scarpe dei bambini, i capelli delle donne, milioni di morti che ci parlano con quegli oggetti di uso comune, poi il veleno, le camere a gas, i forni crematori, migliaia e migliaia di persone di ogni età ammassate, uccise e bruciate al giorno, con l'unica colpa di esistere. Che insegnamento ieri, tra quelle camerate che trasudano di dolore e morte"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Masci visita Auschwitz durante il viaggio per il Forum internazionale in Polonia [FOTO]

IlPescara è in caricamento