rotate-mobile
Politica

Marsilio sulle infrastrutture ferroviarie: "Va colmato il divario fra la linea adriatica e quella tirrenica"

Il governatore della Regione Abruzzo è intervenuto durante il dibattito sulle reti transeuropee con la commissaria Ue ai trasporti Adina Valean

Colmare il divario che c'è fra l'infrastruttura ferroviaria della linea adriatica e quella tirrenica. A dirlo è il presidente della Regione Marco Marsilio, che è intervenuto durante il dibattito sulle reti transeuropee che ha visto la partecipazione della commissaria Ue ai trasporti Adina Valean. Secondo il governatore, ci sono tratte che vanno raddoppiate, e va implementato ed adeguato tutto il sistema di sicurezza lungo la linea adriatica:

"È una progettazione complessa e ci sono situazioni da risolvere, anche molto costose, che vanno portate avanti. Spero che Rete ferroviaria italiana e Governo vogliano procedere con velocità perché, soprattutto in alcune zone, l'Abruzzo ha subìto per troppi decenni la mancanza d'investimenti sul trasporto su ferro e se ne scontano oggi le conseguenze. Ad esempio, il treno Pescara-Roma impiega 3 ore e 22 minuti per coprire una tratta di poco più di 200 km: per fare più del doppio del tragitto da Roma a Milano il treno no stop impiega due ore e 59 minuti."

Secondo Marsilio, queste differenze oggi sono inconcepibili e inaccettabili, un gap infrastrutturale e di velocità media che va recuperato nel minor tempo possibile, sfruttando i fondi del Pnrr e non solo, anche cogliendo le opportunità derivanti dalla transizione ecologica:

"Deve diventare uno stimolo per crescere e non, come stiamo sperimentando in alcuni settori, una difficoltà in più per le nostre aziende e per le nostre famiglie e quindi per la nostra economia". Ricordiamo che in queste settimane è in corso un dibattito molto acceso con dure proteste da parte dei residenti e delle amministrazioni comunali di Manoppello, Alanno, Scafa, San Giovanni Teatino e Chieti proprio per il progetto del raddoppio del binario ferroviario della linea Pescara Roma, propedeutico all'alta velocità. Viene infatti contestato a Rfi il problema del passaggio in alcuni centri urbani del nuovo binario.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marsilio sulle infrastrutture ferroviarie: "Va colmato il divario fra la linea adriatica e quella tirrenica"

IlPescara è in caricamento