Marsilio torna sull'emergenza Covid: "Insostenibile per l'Abruzzo e per il Paese l'attuale aumento dei ricoveri"

Il presidente della Regione torna ad esprimere preoccupazione per l'attuale situazione dell'emergenza Coronavirus appellandosi al senso di responsabilità dei cittadini

Il presidente della Regione Marsilio torna sulla questione dell'emergenza Coronavirus e soprattutto sull'andamento della pandemia esprimendo preoccupazione per la situazione attuale e per le prossime settimane. Intervistato da Veratv, Marsilio ha ribadito quanto affermato ieri su Rai Uno che in Italia c'è il rischio concreto che fra una decina di giorni tutte le Regioni saranno rosse, con un lockdown che di fatto diventerebbe nazionale.

La preoccupazione per quanto riguarda la nostra Regione è che al ritmo attuale di 20 - 30 ricoveri e di questi due o tre pazienti che quotidianamente finiscono in terapia intensiva, la situazione diventi insostenibile sul fronte della pressione ospedaliera. Il presidente ha anche dichiarato che queste prime ore trascorse come regione arancione non sono state particolarmente diverse da quelle in cui l'Abruzzo era regione gialla, con i soli titolari di bar e pasticcerie che pagano la chiusura al pubblico per tutto il giorno.

Se saranno mantenute le regole attualmente in vigore nelle attuali regioni rosse, ci sarà la chiusura di tutti i negozi ma si continuerà ad andare al lavoro nelle fabbriche e negli uffici dove non è possibile lavorare in modalità agile. Inoltre, verrà attivata la didattica a distanza nelle classi seconde e terze delle scuole medie

Il governatore si affida dunque al senso di responsabilità e collaborazione dei cittadini nel rispettare le regole, per evitare lo scenario più pesante, sperando che si inverta la curva dei contagi. Sulla questione del potenziamento del sistema sanitario, ha fatto sapere che alcuni cantieri sono già partiti e sono già state esperite tutte le gare di progettazione, soprattutto per la Asl di Teramo con l'obiettivo di aumentare i posti letto ordinari, in terapia intensiva e sub intensiva e garantire accessi separati in pronto soccorso per i sospetti pazienti Covid. Sul fronte dei tamponi, infine, Marsilio ha spiegato che è una questione fondamentale e delicata, in quanto esistono leggi e regole per garantire sicurezza nell'affidare le analisi a laboratori privati, per garantire che il risultato dell'esame sia attendibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per il Tg1 l'Abruzzo diventa "#zonarozza": la gaffe spopola sul web

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Furto d'identità a Pescara, il caso finisce a "Le Iene" [VIDEO]

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Ha i sintomi del Covid dopo la positività del coinquilino ma il tampone arriva dopo 20 giorni, il racconto di un pescarese

Torna su
IlPescara è in caricamento