menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marsilio sul Coronavirus in Abruzzo: "La seconda ondata è arrivata, ma la situazione è molto diversa rispetto a marzo" [VIDEO]

Il presidente della Regione chiede senso di responsabilità a tutti per scongiurare ulterioriprovvedimenti restrittivi

Il presidente della Regione Marsilio con una diretta su Facebook ha fatto il punto della situazione per quanto riguarda i contagi da Coronavirus in Abruzzo. Marsilio ha evidenziato come, di fatto, sul nostro territorio ed in tutta Italia sia arrivata una nuova importante ondata di contagi che in molti speravano, anche a seguito del calo brusco di casi durante l'estate, non sarebbe arrivata.

Nonostante l'aumento dei casi nelle ultime settimane, ha specificato il Governatore, la situazione però è profondamente diversa rispetto a quanto avvenuto a marzo, anche paragonando giornate e settimane simili a quelle che stiamo vivendo oggi rispetto al carico sulle strutture sanitarie rispetto ai nuovi casi.

Ora, infatti, ha aggiunto Marsilio, la percentuale di tamponi eseguiti al giorno è in alcuni casi anche di 10 volte superiore a quelli che venivano fatti a metà o fine marzo, con una percentuale di positivi nettamente più bassa. Anche sul fronte dei ricoveri ordinari e delle terapie intensive la situazione è molto pià confortante, grazie alle terapie ed all'esperienza acquisita sul trattamento del virus da parte dei sanitari che ora, grazie al sistema di tracciamento sul territorio degli asintomatici, riesce a contenere la diffusione del virus e lo sviluppo della malattia nei pazienti.

“Dobbiamo dimostrare senso di responsabilità e non abbassare la guardia, tornando ad avere una massima attenzione per il rispetto del distanziamento sociale, dell'uso delle mascherine e dell'igienizzazione delle mani. Solo così potremo scongiurare nuovi e dolorosi provvedimenti restrittivi che sarebbero molto pesanti per la società e per l'economia abruzzese”.

Il presidente infine, commentando l'ultima conferenza delle Regioni che si è tenuta poche ore fa, ha fatto sapere che al Governo si chiederà di valutare, in caso di nuovi aumenti dei contagi, anche il ripristino della didattica a distanza per gli studenti delle scuole superiori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rustell: storia e origini degli arrosticini abruzzesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento