Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Bussi sul tirino

Dal M5S un esposto su Bussi: "Prima bonifica e poi reindustrializzazione sostenibile"

I grillini vogliono vederci chiaro sulla vicenda della megadiscarica dei veleni: nella denuncia da loro presentata, individuano otto criticità e tornano ad illustrare la loro proposta per l'area: "Va garantita la tutela delle casse dello Stato"

Il Movimento 5 Stelle vuole vederci chiaro sulla vicenda della megadiscarica dei veleni di Bussi sul Tirino e annuncia il deposito di un esposto in relazione alla gara d'appalto per la bonifica di una piccola porzione del Sito di interesse nazionale (Sin), sottolineando che "è a rischio il principio del 'chi inquina paga'.

I grillini, nella denuncia, individuano otto criticità e tornano ad illustrare la loro proposta per l'area, perché "l'idea che debba essere reindustrializzata a tutti i costi sembra stia dando già i suoi frutti avvelenati". Il Sin deve essere "bonificato a partire dalle aree maggiormente pericolose, come l'area della discarica Tremonti, e nel rispetto del principio che chi inquina paga".

Va garantita "la tutela delle casse dello Stato, e dunque della collettività, dal rischio di esborso di fondi pubblici in futuro non recuperabili dal soggetto responsabile dell'inquinamento"; bisogna sospendere l'iter attivato dal Comune di Bussi per l'acquisto delle aree di proprietà Solvay".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal M5S un esposto su Bussi: "Prima bonifica e poi reindustrializzazione sostenibile"

IlPescara è in caricamento