menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Equo compenso, in consiglio regionale la presentazione di una legge

Obiettivo che verrà perseguito garantendo loro certezza dei pagamenti, secondo un tariffario individuato con gli Ordini professionali, e lotta all’evasione

Sarà presentata nel consiglio regionale di domani, martedì 18 giugno, la legge sull'Equo Compenso che intende tutelare i liberi professionisti, architetti, ingegneri, avvocati, commercialisti, geologi.
Obiettivo che verrà perseguito garantendo loro certezza dei pagamenti, secondo un tariffario individuato con gli Ordini professionali, e lotta all’evasione.

Con l'entrata in vigore della nuova norma un architetto o un ingegnere che andranno in un Comune a ritirare una concessione edilizia, prima di chiudere l’iter dovranno presentare l’autocertificazione che attesti l’avvenuto pagamento della prestazione professionale da parte del privato.

A farlo sapere sono il presidente del consiglio regionale, Lorenzo Sospiri e il presidente della Terza Commissione, Emiliano Di Matteo, primi due firmatari della legge. Fatta la legge, ora gli uffici andranno a stilare un disciplinare che, in modo specifico, dovrà calare il provvedimento coprendo ogni tipo di casistica. 

«La legge "Disposizioni in materia di tutela delle prestazioni professionali e di equo compenso" nasce dalla fusione della proposta della maggioranza, di quella del capogruppo Marcozzi e del consigliere Smargiassi, e la terza del Pd, e li ringrazio tutti», dice il presidente Sospiri, «facendo prevalere la sensatezza, abbiamo deciso di raccogliere gli elementi migliori e confezionare una legge che veramente riesca a tutelare i liberi professionisti e di fatto oggi siamo la seconda Regione dopo il Lazio a portare avanti tale norma che, sono convinto, verrà ripresa anche dal Governo nazionale divenendo una Legge Quadro che è giusta perché il libero professionista oggi non ha alcuna clausola di tutela a fronte di una contrazione della propria attività».

«Siamo estremamente soddisfatti», sottolinea Sara Marcozzi del Movimento 5 Stelle, «di essere riusciti a portare in consiglio regionale il progetto di legge in materia di tutela di prestazioni professionali e di equo compenso. Un risultato ottenuto grazie all’impegno del M5S che da tempo lavora con i portatori di interesse. Abbiamo ascoltato le istanze col fine di poter scrivere una legge che tenesse in considerazione le loro esigenze. Il testo che approda in Aula è frutto dell’accorpamento dei progetti a firma Marcozzi, Smargiassi e Sospiri. Contrariamente a quanto avvenuto per i cinque anni precedenti, è stato possibile instaurare un percorso comune con la maggioranza per arrivare alla redazione del miglior testo possibile». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento