rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica

Dietrofront dell'assessore Albore Mascia: la pista ciclabile in via della Pineta si farà

L'assessore dopo le valutazioni con i tecnici comunali ha spiegato che non vi sono soluzioni alternative percorribili rispetto a quelle del progetto originale

Ripartono i lavori per la realizzazione della contestata e discussa pista ciclabile in via della Pineta e via Luisa D'Annunzio. Lo ha fatto sapere l'assessore comunale Albore Mascia, a seguito degli incontri e delle valutazioni fatte assieme ai dirigenti e tecnici comunali dopo lo stop al cantiere voluto dal consiglio comunale.

Il progetto, lo ricordiamo, è stato approvato dall'ex amministrazione Alessandrini ed era stato contestato dal centrodestra cittadino per la questione della cancellazione dei posti auto che avrebbe provocato danni ai residenti e soprattutto ai commercianti della zona.

STOP AL CANTIERE IN VIA DELLA PINETA

Per questo, si sono cercate soluzioni alternative che, come spiega Albore Mascia,allo stato attuale non sono però fattibili e percorribili:

Due le ipotesi sottoposte a valutazione: passare lungo via Pantini e via della Bonifica oppure utilizzare via Riccitelli.

Per far passare la pista ciclabile, infatti, dovrebbero essere abbattuti numerosi pini (una decina, indicativamente) che sono ai bordi della Riserva Dannunziana. Con la necessità, tra l'altro, di chiedere e ottenere la relativa autorizzazione. Il percorso inoltre subirebbe un allungamento di circa 900 metri, 250 su via Pantini e oltre 600 su via della Bonifica. Sia sull'una che sull'altra strada bisognerebbe procedere allo smantellamento della pavimentazione esistente e alla relativa sostituzione.

Infine, in via della Bonifica il tracciato 'incrocerebbe' una cabina del gas, che dovrebbe essere spostata". I costi, senza imprevisti, sono stati quantificati in 158.000 euro e, fatta la differenza sulla previsione progettuale, l'aumento di spesa sarebbe di 50.000 euro.

La soluzione di via Riccitelli non è praticabile, invece, in quanto si dovrebbe passare su aree condominiali private, che non sono nella disponibilità del Comune, con relativo allungamento dei tempi e delle procedure.

La pista ciclabile, ricorda l'assessore, è stata finanziata con il bando delle periferie, quindi con fondi ministeriali e dunque una variante sostanziale potrebbe far perdere i fondi, senza considerare i contenzioni con la ditta che potrebbero sorgere, annunciando il recupero di 14 posti auto in via Plauto e la razionalizzazione dei posti auto su tutta via della Bonifica.

Senza dimenticare che in zona c'è anche disponibilità di sosta nell'area del Circolo Tennis e in altre strade adiacenti

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dietrofront dell'assessore Albore Mascia: la pista ciclabile in via della Pineta si farà

IlPescara è in caricamento