menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Itis Volta: studenti senza riscaldamento, interviene la Provincia

I ragazzi sono scesi in piazza per lagnarsi del mancato funzionamento dell’impianto di riscaldamento, questione datata ma ancora irrisolta. Rapposelli ha annunciato che proprio oggi il personale della ditta “Guerrato”ha effettuato un sopralluogo all’Itis e ha attivato una seconda caldaia d'emergenza

"La Provincia di Pescara ha previsto interventi consistenti nelle strutture dell’Itis “Volta”, non solo per risolvere il problema, vecchissimo, dell’impianto di riscaldamento che non funziona, ma anche per fronteggiare altre situazioni di disagio”.

Incontrando una delegazione degli studenti dell’Itis, che questa mattina hanno protestato in piazza Italia, il vice presidente e assessore provinciale all’Edilizia scolastica, Fabrizio Rapposelli, ha annunciato i lavori che l’amministrazione realizzerà nell’istituto, in parte già coperti da mutuo e per la restante parte inseriti nel Piano triennale delle opere pubbliche approvato in giunta.

I ragazzi sono scesi in piazza per lagnarsi del mancato funzionamento dell’impianto di riscaldamento, questione datata ma ancora irrisolta. Per tutta risposta Rapposelli ha annunciato che proprio oggi il personale della ditta “Guerrato”, che si occupa della gestione del calore in tutte le scuole di competenza dell’ente, ha effettuato un sopralluogo all’Itis e ha attivato una seconda caldaia di emergenza che affiancherà quella esistente, insufficiente per coprire adeguatamente le esigenze delle sei palazzine e dei laboratori.

“Per il momento – ha annunciato Rapposelli – abbiamo fronteggiato la questione con una soluzione tampone ma a breve sapremo dai tecnici come garantire un riscaldamento adeguato fino a primavera, quando partiranno dei lavori ben più consistenti che risolveranno l’emergenza-freddo in modo definitivo. Trattandosi di un progetto di un certo impatto non è possibile realizzarlo nel periodo in cui sono in corso le lezioni ma i ragazzi sanno bene che non dipende certo dalla giunta Testa, visto che il problema di ripropone da dieci anni”.
 
Gli interventi programmati in questa scuola rientrano in quelli coperti da un mutuo da 500mila euro con la Cassa depositi e prestiti, finalizzato a realizzare interventi di sistemazione in diverse strutture. Per quanto riguarda il “Volta”, spiega Rapposelli, si provvederà al ripristino del laboratorio di chimica, chiuso in passato, e alla riparazione del tetto deteriorato. A questi lavori se ne aggiungeranno altri, inseriti, nel Piano triennale dei lavori pubblici, mostrato da Rapposelli agli studenti. I progetti per l’Itis previsti in questo Piano (pari a 800mila euro tra il 2010 e il 2011) riguardano non solo gli impianti di riscaldamento, da sistemare nel 2010, ma anche il completamento e la sistemazione della piscina.

“La Provincia di Pescara – commenta il presidente Guerino Testa – ha dimostrato un’attenzione altissima in merito all’edilizia scolastica, tant’è che abbiamo da poco contratto mutui per un milione e 236mila euro. Un’attenzione che in passato è mancata e della quale gli studenti pagano, purtroppo, le conseguenze. Un caso emblematico è quello del “Volta” che contiamo di risolvere al più presto, come previsto”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento