rotate-mobile
Venerdì, 29 Settembre 2023
Politica

Imprudente sulla tutela della denominazione Montepulciano: "La Regione sostiene i produttori per difendere un patrimonio unico"

L'assessore regionale e vicepresidente della giunta regionale interviene in merito alla questione della tutela della denominazione Montepulciano

Anche l'assessore Emanuele Imprudente, vicepresidente della giunta regionale, scende in campo per difendere le ragioni dei produttori di vini abruzzesi per tutelare la denominazione Montepulciano, messa a rischio da decreto ministeriale in corso di approvazione. L'ente infatti ha aderito al documento unitario contro il decreto etichettatura, in particolare contro l'attuale stesura dell’articolo 16 che introdurrebbe una liberalizzazione dell’uso dei vitigni in etichetta, senza alcuna eccezione.

“Sebbene i principi portanti del decreto siano condivisibili l’utilizzo indiscriminato dei nomi dei vitigni nelle etichette dei vini Doc rischia di arrecare un danno economico assai rilevante ai viticoltori abruzzesi. Sono soddisfatto della grande unità di intenti mostrata da tutti gli attori del mondo vitivinicolo regionale nel redigere un documento ampiamente condiviso che ci consentirà di avere maggiore forza sui tavoli di concertazione nazionali. Insieme, istituzioni e aziende agricole all’unisono faremo valere le nostre ragioni per difendere il legame indissolubile fra il vitigno Montepulciano e il suo territorio, l’Abruzzo”.

I produttori abruzzesi vogliono mantenere il nome "Montepulciano" per i soli vini provenienti dalle Doc regionali, mentre per le denominazioni di altre regioni verrà chiesto il reinserimento del sinonimo “cordisco” per indicare il vitigno “montepulciano” nel Registro nazionale varietà delle viti, già presente nel 1988 e poi scomparso  nella trasformazione dello stesso da cartaceo a informatico, al fine di tutelare la denominazione di origine protetta “Montepulciano d’Abruzzo” e per essa il termine-nome di vitigno “Montepulciano” da usi impropri dello stesso.

“È bene sottolineare  che il settore vitivinicolo rappresenta il comparto agroalimentare di maggiore importanza per la nostra regione, interessando oltre 15 mila aziende viticole e una superficie superiore ai 32 mila ettari, esclusivamente in coltura specializzata. La produzione di vino  mediamente si attesta sui 3,2-3,4 milioni di ettolitri/anno, ponendo l’Abruzzo tra le prime cinque regioni per importanza a livello nazionale. Saremo, dunque, al fianco del mondo produttivo per portare avanti con convinzione questa battaglia volta a salvaguardare il lavoro e il sacrificio dei nostri viticoltori”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprudente sulla tutela della denominazione Montepulciano: "La Regione sostiene i produttori per difendere un patrimonio unico"

IlPescara è in caricamento