rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Il Pd di Pescara sulla Caserma della Finanza: "Stop ai lavori"

Il gruppo consiliare del PD, con Blasioli, D'Angelo e Marchegiani, torna sulla questione della costruzione della Caserma della Guardia di Finanza lungo la riviera sud, e chiede uno stop ai lavori in attesa di ulteriori verifiche

"Pescara è una città dalle piccole dimensioni. Il suo territorio di circa 34 km/q è quasi totalmente edificato e chi si approssima alle scelte urbanistiche è chiamato, oggi più che mai, a porre particolare attenzione ai pochi vuoti urbani rimasti.

Un vuoto urbano è quello della riviera sud, prossima al Porto Turistico, dove dovrebbe essere realizzata la Caserma della Guardia di Finanza, qui trasferita dopo la protesta, giusta, dei cittadini per la prima allocazione nella ex scuola Muzii sulla strada Parco.

Va chiarito che la Guardia di Finanza costruisce su un proprio terreno in virtù di una procedura straordinaria prevista per la realizzazione di strutture militari coperte da segreto di Stato e che la procedura è già abbastanza avanti, ma questo non significa che l'espressione unanime del Consiglio Comunale di Pescara ed il lavoro costante delle forze politiche della nostra città non possa bloccare quei lavori e scegliere una localizzazione meno impattante per la città.

Non siamo contro il Comando della Guardia di Finanza a Pescara, che anzi vogliamo che venga realizzata a Pescara, ma riteniamo che quel vuoto urbano, di particolare pregio per la nostra città, meriterebbe altre progettualità, sottolineando che quello è un caso in cui, l'abbattimento è già una realizzazione: cioè abbattendo quei capannoni si realizza la veduta al mare.

Ritengo valide anche le ragioni espresse dal Presidente della Circoscrizione Teodoro in merito all'esigenza di sicurezza di cui Pescara ha bisogno ma ritengo che le stesse siano assicurabili anche se la caserma venga localizzata in altri terreni di Pescara.

Ciò che serve a Pescara, che già in Consiglio Comunale ha votato un ordine del giorno contro quella localizzazione, è la comunanza delle forze politiche che hanno a cuore il biglietto da visita della nostra città: cioè la riviera, per salvarla da una scelta che non ha senso.

Per questo motivo, sperando che le forze politiche che hanno a cuore Pescara vogliano unirsi in una battaglia senza bandiere se non l'idea già espressa, faremo presentare ai nostri Parlamentari una interrogazione diretta a verificare se la procedura straordinaria è stata eseguita correttamente e se la ditta che ha vinto l'appalto è in regola per poter iniziare i lavori."

I consiglieri del PD Blasioli, Marchegiani e D'Angelo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd di Pescara sulla Caserma della Finanza: "Stop ai lavori"

IlPescara è in caricamento