rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica

Grande Pescara, il referendum si farà

Arriva il sì del Consiglio Regionale per il referendum per la creazione della Grande Pescara, un'unica città che racchiuderà il capoluogo, Spoltore e Montesilvano

Il referendum riguardante la Grande Pescara si farà.

Il commento del consigliere regionale del Mov139 Costatini, promotore dell'iniziativa, è positivo, ed ora si pensa alla data in cui gli elettori locali saranno chiamati alle urne.

"Sembrava scontato lasciare i cittadini liberi di poter scegliere del proprio futuro  ma in alcuni momenti la recrudescenza di antiche contrapposizioni campanilistiche mi ha fatto temere per il peggio. Per il valore strategico e di prospettiva di questa decisione, non esito a definirla storica per la comunità pescarese, intendendo già ora per comunità pescarese quella costituita da tutti i cittadini che vivono, respirano ed amano Pescara, pur risiedendo anagraficamente a pochi chilometri o metri dai suoi confini" ha detto Costatini, che spera in futuro di estendere il progetto anche a Francavilla e San Giovanni Teatino.

Soddisfatta anche Fiammetta Trisi, presidente de "La grande Pescara", che ora ricorda come "l'articolo 28 della legge regionale istitutiva del referendum, impone al Presidente della Regione di indire il referendum in una domenica tra il 15 aprile e il 30 giugno".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande Pescara, il referendum si farà

IlPescara è in caricamento