menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lucio Matricciani

Lucio Matricciani

Grande Pescara, Matricciani: "Non può essere una priorità durante l'emergenza sanitaria"

Il presidente del consiglio comunale di Spoltore ha inviato una nota ai suoi colleghi Pagnanelli (Pescara) e De Vincentiis (Montesilvano) sulla convocazione delle commissioni che hanno il compito di redigere il nuovo statuto

La Grande Pescara "non può essere una priorità durante l'emergenza sanitaria". Ne è convinto il presidente del consiglio comunale di Spoltore Matricciani, che ha inviato una nota ai suoi colleghi Pagnanelli (Pescara) e De Vincentiis (Montesilvano) sulla convocazione delle commissioni che hanno il compito di redigere il nuovo statuto. Ecco cosa scrive Matricciani:

"Ho ricevuto con grande sorpresa la convocazione per la riunione, mercoledì 17 e giovedì 18 febbraio, delle Commissioni di Nuova Pescara. In un momento così critico, mentre si fermano anche attività basilari come le scuole e a livello nazionale si discute l'opportunità di un nuovo lockdown duro e generalizzato, non considero opportuna la scelta di proseguire i lavori per la realizzazione della Grande Pescara".

La lettera è stata inviata per conoscenza anche ai sindaci di Pescara Carlo Masci, di Montesilvano Ottavio De Martinis e di Spoltore Luciano Di Lorito, nonché a tutti i consiglieri dei tre Comuni. "Anche se comprendo che una pubblica amministrazione non possa e non debba fermarsi di fronte alle emergenze, temo siano altre le priorità da affrontare e che non ci sia nessuna urgenza in questo percorso di riorganizzazione di tre enti pubblici", afferma ancora Matricciani.

La Grande Pescara, dunque, "può passare in secondo piano e tutte le operazioni riguardanti la nascita del nuovo Comune possono essere sospese fino a quando non sarà superata l'emergenza Covid". Matricciani ricorda che il percorso amministrativo per la costituzione del nuovo Comune deve essere portato avanti a tempo debito: "Non dobbiamo pensare a darci delle scadenze da rispettare sia per la complessità del lavoro da svolgere, sia perché è necessario che le energie e la concentrazione di tutti i soggetti coinvolti siano dedicate al progetto. Attualmente dubito che questo sia possibile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento