Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Giunta provinciale, Pescara Futura chiude la porta

Nessun accordo, almeno per ora, fra il partito di Masci "Pescara Futura/Rialzati Abruzzo" e la nuova Giunta provinciale di Guerino Testa. Resta vuota l'ottava poltrona a Palazzo dei Marmi. Non si esclude un possibile azzeramento dell'esecutivo

Non c'è pace per Guerino Testa e la sua nuova Giunta provinciale. All'indomani dell'ufficializzazione dei sette assessori che dovrebbero comporre il nuovo esecutivo pescarese, il partito di Carlo Masci "Pescara Futura/Rialzati Abruzzo" chiude la porta al presidente del PdL, rifiutando l'ottava poltrona messa a disposizione.

Non ci stanno quindi gli uomini di Masci a ricevere un solo assessorato, a fronte dei due richiesti, ma soprattutto contestano le scelte fatte da Testa, che non avrebbe rispettato il criterio di territorialità, lasciando senza un rappresentante intere zone della Provincia di Pescara.

I neo consiglieri De Luca, Cola e Ruggieri contestano anche il fatto che tutte le nomine interne sono del PdL; una situazione delicata per il Presidente che non potrà certo rinunciare al sostegno della lista civica di Masci, fondamentale per la vittoria al primo turno.

Lo stesso Masci si è chiamato fuori da queste divergenze, dichiarando che i tre consiglieri in Provincia hanno piena autonomia nelle decisioni.

Testa, da parte sua, fa sapere che intende incontrare i consiglieri di Pescara Futura per trovare un accordo, anche se non esclude la possibilità estrema di azzerare la Giunta.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta provinciale, Pescara Futura chiude la porta

IlPescara è in caricamento