rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Politica

Masci stigmatizza le polemiche sul passaggio del Giro d'Italia: "Mentalità provinciale, acceso un faro sulla nostra città"

Il primo cittadino non ci sta e rivendica il valore della vetrina internazionale avuta con il passaggio della "Carovana rosa": per lui chi non coglie la bellezza del momento e le ricadute che avrà non ha a cuore Pescara

“Il Giro d'Italia a Pescara non è stata una luce che si è accesa e si è spenta, bensì un faro puntato sulla nostra città per illuminarne le bellezze, le risorse e le potenzialità. Lo diciamo noi, ma soprattutto l'hanno detto atleti e accompagnatori della 'Carovana rosa', l'hanno detto e ripetuto gli inviati delle tv e dei giornali, l'hanno testimoniato con la loro presenza, il loro incitamento e la loro partecipazione i pescaresi che dappertutto hanno fatto ala ai campioni del ciclismo. È stato un successo senza 'se' e senza 'ma', una vetrina destinata a continuare nel tempo e non esaurirsi all'episodio esaltante del Giro”.

Il sindaco Carlo Masci lancia un messaggio chiaro a chi in occasione del passaggio in città ha sollevato critiche. “Dispiace – afferma - che qualcuno abbia voluto trovare per forza motivi di critica, strumentale e autolesionista, lanciando un personale triste segnale di quella mentalità provinciale, aggomitolata su se stessa, che abbiamo consegnato a un passato che non ci appartiene più. Pescara è una città proiettata in avanti, è una città attrattiva, è una città che sa accogliere col sorriso e col calore. Chi tenta inutilmente di mettere in piedi a ogni costo sterili polemicucce di piccolo cabotaggio, dimostra ancora una volta di non aver a cuore la Pescara del presente e quella che stiamo disegnando tutti assieme”, aggiunge Masci.

“Ovunque, fuori, hanno parlato bene di noi. Volersi distinguere dal coro di elogi intonando una voce contraria non è misurarsi con la realtà ma volerla mistificare – continua -. Pensiamo positivo e agiamo di conseguenza, perché la città lo merita, e lo meritano tutti i pescaresi che la amano e si impegnano ogni giorno a migliorarla. Il Giro d'Italia e le tante iniziative di carattere internazionale, sia sportive sia culturali in cui Pescara è stata protagonista in questi anni – conclude il primo cittadino -, non sono un traguardo ma la linea di partenza per tante nuove avventure che renderanno la città sempre più bella e più frequentata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Masci stigmatizza le polemiche sul passaggio del Giro d'Italia: "Mentalità provinciale, acceso un faro sulla nostra città"

IlPescara è in caricamento