rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Politica

Giorgia Meloni a Pescara: "Fa sorridere D'Alfonso che mi denuncia"

La leader di Fratelli d'Italia è stata questa mattina in città per un incontro promosso in vista delle elezioni regionali: "In Abruzzo pretendo che si torni al voto entro il 2018". E sul Pd: "Un partito tiene in ostaggio tutti, queste cose le fa solo la sinistra"

Tappa pescarese, questa mattina, per Giorgia Meloni a margine dell'evento "L'Abruzzo è Speciale: una terra fragile e bellissima", promosso in vista delle prossime elezioni regionali. Parlando del Partito Democratico e dell'ex governatore Luciano D'Alfonso, la leader di Fratelli d'Italia ha detto:

"Il Pd non a caso è in condizioni difficili perché in questi anni ha lasciato risultati drammatici e a me ha fatto molto sorridere che D'Alfonso abbia utilizzato una delle ultime sedute del consiglio regionale per dare mandato all'avvocatura dello Stato di denunciarmi perché avevo parlato male di Mattarella. Se avesse dedicato lo stesso tempo a capire come si scrive un bilancio, non gli avrebbero rimandato indietro il bilancio per cinque anni".
La Meloni si è poi espressa sulla data del voto in Abruzzo:

"Non solo lo auspico, ma pretendo un voto entro il 2018 perché la democrazia funziona così. La democrazia non funziona se c'è un partito che non rappresenta più nessuno e vuole tenere in ostaggio centinaia di migliaia di persone che lo vogliono mandare a casa solamente perché non è convinto di rivincere. Questa roba qui la fa solo la sinistra in Italia: quella di fare i governi quando sei arrivato ultimo, quella di rimanere abbarbicati anche quando ti hanno mandato a casa, quella di non voler rispettare la legge. D'Alfonso ha preferito giustamente scappare dall'Abruzzo avendo davanti un futuro poco felice".

Infine, l'on. Giorgia Meloni si è recata di fronte al tunnel ferroviario dove dovrebbe essere realizzato il mercatino etnico, accompagnata dal Gruppo consiliare di Fratelli d'Italia (Guerino Testa, Massimo Pastore e Alfredo Cremonese), dal direttivo provinciale e dai rappresentanti del centrodestra, per esprimere la propria contrarietà con tanto di striscione recante la scritta: "Non è etnico, è illegale. No a 250.000 euro dei pescaresi".

Giorgia Meloni mercatino etnico

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorgia Meloni a Pescara: "Fa sorridere D'Alfonso che mi denuncia"

IlPescara è in caricamento