Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Tre giochi inclusivi per bambini diversamente abili installati nella Pineta Dannunziana

La presentazione è avvenuta questa mattina alla presenza del presidente della commissione ambiente Ivo Petrelli

Tre nuovi giochi inclusivi per bambini diversamente abili, sono stati installati all'interno del comparto 2 della Pineta Dannunziana, grazie al progetto che vede la partnership fra Comune, Uildm Unione Italiana lotta alla distrofia muscolare, e gli istituti comprensivi 2 e 6 di Pescara.

Lo ha fatto sapere il presidente della commissione ambiente Petrelli, sul posto per la presentazione alla presenza fra gli altri di Silvano Console, presidente della sezione Uildm di Pescara, degli assessori ai parchi Gianni Santilli e alle Politiche sociali Nicla Di Nisio, delle dirigenti scolastiche Mariagrazia Santilli dell’istituto comprensivo 2, con la docente referente Giovanna Girasante, e Mariella Centurione dell’Istituto comprensivo 6 con la docente
referente Simona Fagnani, e la garante regionale dei Diritti dell’Infanzia l’avvocato Maria Concetta
Falivene, oltre ai consiglieri comunali di Forza Italia Alessio Di Pasquale e Claudio Croce.

L'obiettivo, ha spiegato Petrelli, è promuovere e sostenere l'inclusione sociale di tutti i bambini con giochi accessibili per qualsiasi genere di disabilità, per creare momenti d’incontro e di condivisione per modificare
atteggiamenti culturali errati nei confronti della disabilità attivando processi empatici, di rispetto e
di solidarietà, e poi garantire la partecipazione al gioco e al tempo libero a tutti i bambini assicurando la disponibilità di giochi accessibili a tutti. Si tratta fra l'altro solo del primo step di una serie di interventi previsti:

"La giornata scelta è il 17 settembre, e ad accompagnare i bimbi in una giornata evento sarà il gruppo de ‘I ladri di
Carrozzelle’, formato da ragazzi affetti da distrofia, con un comico locale, Germano D’Aurelio, alias ‘Nduccio. Dunque un momento di aggregazione, ben lontano dal pietismo di circostanza. I giochi che da oggi sono disponibili nel comparto 2 della Riserva dannunziana sono il simbolo dell’inclusione, ovvero la capacità di trasformare la disabilità in normoabilità. E il coinvolgimento dei bambini è il primo passo per una trasformazione etica e culturale del nostro stesso punto di vista sul tema."

Petrelli ha anche ringraziato il capogruppo di Forza Italia Roberto Renzetti promotore del progetto, mentre l'assessore Santilli e la dirigente Centurione hanno subito deciso di aderire al progetto chiedendo ai ragazzi di produrre elaborati per raccontare come essi stessi vedono e vivono una diversa abilità anche di un
compagno di scuola, e con i propri lavori i ragazzi ci hanno dimostrato di avere meno preconcetti di
quelli che possiamo pensare con disegni, manifesti, una staffetta letteraria e un video. 

"Abbiamo scelto di installare i giochi inclusivi, un’altalena, una giostra e un gioco di cubi, nel comparto 2 della Riserva perché avevamo anche la necessità di sostituire alcune attrezzature ormai rotte e abbiamo approfittato dell’offerta della Uildm, peraltro in un’area estremamente frequentata dalle famiglie”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre giochi inclusivi per bambini diversamente abili installati nella Pineta Dannunziana

IlPescara è in caricamento