rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Politica

D'Eramo attacca i fuoriusciti pescaresi della Lega: "Solo fake news, 5 su 6 non sono iscritti al partito"

Volano gli stracci nella formazione politica capitanata da Matteo Salvini. Ecco le parole del segretario regionale del Carroccio

Non si è fatta attendere la risposta del segretario regionale della Lega, Luigi D’Eramo, alla nota diramata da 6 ex esponenti del Pescarese, che avevano annunciato la loro intenzione di lasciare il Carroccio: “Il consigliere De Renzis, uscito dal partito qualche giorno fa, muove le sue truppe (sei persone…) facendo firmare loro un comunicato stampa di dimissioni dal partito attraverso un percorso di fake news nel tentativo, goffo e prevedibile, di danneggiare l’immagine della Lega. Tranne che l’ex sindaco Mucci, degli altri firmatari nessuno è iscritto alla Lega, partito che non votano e non fanno votare da tempo”, afferma D'Eramo, che dice di provare “imbarazzo per De Renzis, sia per l’uomo che per il politico. Ridursi a trarre in inganno gli abruzzesi e gli organi di stampa, rappresentanti della collettività, è la dimostrazione plastica della confusione che in questo momento lo caratterizza”.

Poi D'Eramo aggiunge: “Per un politico dire bugie è l’anticamera dell’oblio. Per un consigliere regionale surrogato dire bugie è l’anticamera dell’abbandono forzato dal ruolo istituzionale. Ma questa vicenda appare strettamente collegata ‘all’affaire’ Sara Marcozzi sulla costruzione di una nuova, inutile, commissione permanente sull’acqua, rispetto alla quale la Lega, come nel suo stile, ha assunto una posizione di coerenza e dunque di contrarietà”. Insomma, volano gli stracci nella formazione politica capitanata da Matteo Salvini. E non è finita qui.

D’Eramo, infatti, sottolinea che De Renzis, poco prima di lasciare la Lega, nella sua qualità di presidente della giunta per il regolamento avrebbe ‘tradito’ il gruppo consiliare che gli aveva dato mandato, attribuendogli sei voti, di non approvare e rinviare la decisione sulla nuova commissione: “Il consigliere De Renzis ha disatteso le indicazioni del g ruppo consiliare e del partito e la contrarietà emersa successivamente con un intervento del nostro portavoce, Francesco De Santis, ha scatenato l’irritazione e la reazione di qualche genio del centrodestra, guarda caso gli stessi che stanno gestendo il passaggio nel centrodestra della Marcozzi, ex candidata alla presidenza della Regione del M5S, e che esercitano una forte fascinazione sul Consigliere regionale De Renzis. Ordinandogli, immagino, di colpire il suo ex partito. Cosa che lui prontamente ha fatto diffondendo fake news su dimissioni dal partito di gente non iscritta alla Lega”, conclude D’Eramo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

D'Eramo attacca i fuoriusciti pescaresi della Lega: "Solo fake news, 5 su 6 non sono iscritti al partito"

IlPescara è in caricamento