menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il consigliere Frattarelli sui mezzi brt lungo la strada parco: "Si spendono 88 mila euro per un progetto non realizzabile"

Il capogruppo della lista Sclocco interviene in merito al progetto dell'amministrazione comunale e di Tua per il transito di bus a metano sull'ex tracciato ferroviario

No alla spesa di 88 mila euro, da parte dell'amministrazione comunale, per il progetto di fattibilità tecnica ed operativa della realizzazione del tracciato brt per i bus a metano lungo la strada parco. Il capogruppo comunale della lista Sclocco Frattarelli interviene criticando la giunta di centrodestra che ha affidato l'incarico ad un professionista esterno per un progetto che non sarebbe, almeno attualmente, mai realizzabile.

Il problema, evidenzia Frattarelli, è che la fase dei collaudi Ustif non è ancora stata superata e questi sono propedeutici al regolare esercizio "bus rapid transit", con la strada parco che è un cantiere incompiuto della filovia, sulla quale incombe la terza variante progettuale in esame da parte del Mit, per lo sblocco dei 16 milioni di euro necessari a completare l'opera. Via Castellamare adriatico è ancora classificata come corridoio verde a destinazione ciclo pedonale.

Il mezzo scelto, oggi non sarebbe in grado di percorrere l’ex tracciato ferroviario, ora strada parco.
Perché?

  • Perché due mezzi di quelle dimensioni non potrebbero circolare sullo stesso tracciato, perché troppo grandi e si scontrerebbero
  • Perché le banchine, ben 40, risultano essere tutte fuori norma per la larghezza di m2.20, anziché 2.70 di minima del codice della strada
  • Le pensiline risultano essere in pessimo stato, degradate anche dai gesti vandalici di maleducati ed incivili, ovviamente favoriti da anni di abbandono.  Oltretutto, il pianale del mezzo è alto 33cm, 3cm in più dell’altezza delle attuali banchine.  In questa maniera come si pensa di andare incontro alle carrozzine e ai passeggini?

Frattarelli aggiunge che davanti a questi dubbi nessun componente di giunta o del consiglio comunale è stato capace di rispondere, parlando di una spesa imbarazzante per una consulenza di fatto ancora inutile e per un'opera che non vedrà mai la luce.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Masci piange Antonio Cremonese: "Una persona leale"

  • Cronaca

    Ruba due barattoli pieni di monete, arrestato in flagranza

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento