Fosso Grande a rischio esondazione, Blasioli: "Il canale è ostruito, bisogna intervenire" [FOTO]

Il canale è ormai completamente ostruito e bisgona intervenire quanto prima per evitare nuove esondazioni in caso di piogge intense

Fosso Grande al confine tra Pescara e Spoltore è a rischio esondazione e non a caso l'acquazzone di ieri, mercoledì 7 ottobre, ha portato a un allagamento nella zona del ponte nei pressi della motorizzazione.
Il canale è ormai completamente ostruito e bisgona intervenire quanto prima per evitare nuove esondazioni in caso di piogge intense.

A riportare d'attualità il tema è Antonio Blasioli, consigliere regionale del Pd che punta il dito contro Comune, Provincia e Regione.

«Fosso Grande, il canale più grande e importante per la tenuta idraulica della città è una giungla, sponde a rischio, un fosso pieno di erba, sterpaglie, alberi abbattuti e rifiuti di ogni genere: a ottobre questa è la situazione su cui né il Comune, né la Regione di centrodestra sentono l’urgenza di intervenire», dice Blasioli, «inerzia e disinteresse, malgrado nel bilancio 2019 della Regione abbiamo chiesto lo stanziamento di una cifra cospicua per eseguire opere serie e definitive che allontanassero per sempre i problemi di allagamento di cui soffre la zona, sono stati stanziati pochi spiccioli, appena 60 mila euro fondi che renderanno possibile solo una piccola pulizia, che peraltro a oggi non è ancora partita, ma che soprattutto non risolveranno la situazione, che si rimpalla ancora tra i vari enti. Stiamo parlando di una zona densamente abitata e duramente colpita nel 2013 da un’alluvione che ha causato ingentissimi danni ai cittadini, alle loro abitazioni e  alle attività economiche del quartiere.  Oggi, non sappiamo neanche se la competenza è della Provincia di Pescara, anch’essa completamente latitante, o se appartiene alla Provincia e ai due comuni di Pescara e Spoltore». 

Blasioli segnala i pericoli che si corrono: «Il rischio è grande in queste condizioni, perché da fosso grande, si chiama così perché una volta era largo e aveva anche delle isole all’interno, oggi è diventato angusto, ristretto, pieno di strozzature e con recinzioni realizzate a meno di 4 metri dai bordi, oberato dalle acque reflue e tutto ciò, insieme a rifiuti e tronchi che lo soffocano, finisce per restringere il letto e non fare più da canale e freno all’acqua piovana, che acquista velocità e fa danno. Siamo all’ultimo campanello d’allarme, lo giriamo al Presidente della Provincia di Pescara perché le istituzioni non siano latitanti e agiscano prima che i fattori di rischio che sono sotto gli occhi di tutti si trasformino in una evitabile esondazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vigilessa di Pescara Monica Campoli protagonista a "Forum" [VIDEO]

  • Il Lotto premia l'Abruzzo: grande vincita ad Avezzano

  • Nuovo Dpcm, scatta la protesta a Pescara: corteo da piazza Muzii fino al Comune

  • SuperEnalotto bacia l'Abruzzo con una maxi vincita: centrato il "5" da 100.375,95 euro

  • Coronavirus, Marsilio sulle possibili chiusure in Abruzzo: "Non lo escludo ma si lavora giorno per giorno"

  • Maxi frode e corruzione all'Uoc di Cardiochirugia di Chieti: arresti anche a Pescara

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento