"Centinaia di donne devono scegliere tra lavoro e famiglia", Forza Italia lancia l'allarme

Con l'emergenza Coronavirus, infatti, l'occupazione femminile è a rischio, senza contare le scuole chiuse e la carenza di soluzioni alternative: parla la coordinatrice regionale di Azzurro Donna, Rita Ettorre

La coordinatrice regionale di Azzurro Donna, Rita Ettorre

"Centinaia di donne devono scegliere tra lavoro e famiglia", Forza Italia lancia l'allarme attraverso il suo movimento femminile nazionale Azzurro Donna. Con l'emergenza Coronavirus, infatti, l'occupazione femminile è a rischio, senza contare le scuole chiuse e la carenza di soluzioni alternative come i centri estivi: la coordinatrice regionale di Azzurro Donna, Rita Ettorre, ritiene "inaccettabile" che le donne debbano “rinunciare al lavoro per poter gestire figli e casa”.

L'attuale situazione “sta costringendo centinaia di madri lavoratrici abruzzesi a dividersi tra lavoro e famiglia o, addirittura, a dover rinunciare all'occupazione per poter gestire la casa e i figli", dichiara la Ettorre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Oggi la prima emergenza resta il lavoro e, in particolare, quello femminile. L'obiettivo deve essere unico: salvare tutti i posti di lavoro che sono messi a rischio da questa emergenza economica - conclude la coordinatrice abruzzese - è inaccettabile che si debba scegliere tra lavoro e famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo si toglie la vita, tragedia nel Pescarese

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

Torna su
IlPescara è in caricamento