Politica Centro

Forza Italia si schiera contro il progetto di riqualificazione dell’area di risulta

Duro comunicato stampa del capogruppo regionale Sospiri e dei consiglieri comunali Antonelli, D’Incecco e Rapposelli: “Alessandrini fa l’ennesimo flop, il progetto garantisce appena 1.500 posti auto a fronte dei 2.030 esistenti oggi”  

“Sul progetto di riqualificazione dell’area di risulta il sindaco Alessandrini fa l’ennesimo flop: un progetto che garantisce appena 1.500 posti auto a fronte dei 2.030 esistenti oggi, che vuole consentire la colata di cemento per costruire abitazioni, che vuole cedere ai privati la gestione per vent’anni di tutto il centro cittadino, non è solo inaccettabile, ma è folle. Contro l’intervento comincia oggi la nostra campagna di informazione al cittadino, con un breve spot che girerà su tutti i social. Nel frattempo chiediamo al sindaco Alessandrini di compiere l’ultimo, unico, atto d’amore possibile nei confronti di Pescara, ovvero di dimettersi. Dal progetto dello Stadio a quello delle aree di risulta, non gli faremo passare una sola delibera in consiglio comunale”.

Lo hanno detto il capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri e i consiglieri comunali Marcello Antonelli, Vincenzo D’Incecco e Fabrizio Rapposelli, autori dello spot.

“Le parole del sindaco Alessandrini e dell’assessore Civitarese, che di fatto annunciano la ‘svendita’ ai privati delle aree di risulta per consentire la loro riqualificazione, sono molto semplici e sconcertanti – hanno detto Sospiri, Antonelli, D’Incecco e Rapposelli – Il progetto prevede la costruzione di due palazzi per uffici e abitazioni e di un nuovo centro commerciale su quella stessa area, il tutto gestito dai privati insieme ai parcheggi a pagamento di tutto il quadrilatero centrale, che significa riesumare il vecchio progetto del sindaco D’Alfonso già fermato al Tar. Ci prepariamo a dare battaglia contro un progetto illogico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Italia si schiera contro il progetto di riqualificazione dell’area di risulta

IlPescara è in caricamento