rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Politica Centro / Piazza della Rinascita

Di Iacovo e Presutti contro la fontana luminosa: "È tecchia e cafonal". Masci ribatte: "Aspettiamo di vederla per giudicarla"

Il sindaco ribatte alle critiche dei consiglieri comunali del Pd: "Una cosa è certa, è un'opera unica al mondo, sarà una grande attrazione"

Al Pd non piace la fontana luminosa che in questi giorni è in fase di collaudo "dietro le quinte" e che, in base a quanto ricordato dal sindaco Carlo Masci sui social, sarà inaugurata nel giorno della vigilia di Natale: "Le prove continuano, il conto alla rovescia è iniziato, il 24 dicembre si avvicina", ha infatti postato il primo cittadino. Tuttavia, come detto, dall'opposizione si sono levate critiche: in particolare, due consiglieri Dem ritengono che questa opera sia inelegante e, in altre parole, kitsch.

Giovanni Di Iacovo ha ribattezzato l'opera "la FonTecchia di Pescara", spiegando: "Ero contrario alla "fontana luminosa" che la giunta voleva infliggere a piazza Salotto semplicemente perché avrei visto meglio un'opera d'arte al posto di quel tagadà da proloco ma ho sperato di sbagliarmi perché l'avevo vista solo sulla carta. Poco fa ho visto in funzione questo capolavoro tecnologico e devo ammettere che più che tecno è decisamente tecchio".

E Marco Presutti ha aggiunto: "La città sta per scoprire i fasti della fontana "Cafonal" che sprizza, spruzza, illumina e suona. Ma non sa che nel leporello dei mirabilia del mascismo al potere c'è anche il disegno di un corso Umberto rifatto bicolore. Nulla ci è risparmiato, avrebbe detto un grande pescarese".

Masci non l'ha presa bene e ha voluto replicare difendendo con forza le scelte della sua amministrazione: "Qualcuno dell'opposizione ha cominciato a criticare la fontana a piazza Salotto, ancor prima della sua inaugurazione. Mi dispiace che questi oppositori a prescindere non riescano a capire che, così facendo, non si oppongono a me, ma fanno solo un danno alla città". Masci parla di polemiche montate ad arte "senza neanche vedere l'opera pensata da Remo Saraceni, grande inventore pescarese residente in America, che ha voluto donare alla sua città il concept del "big piano", portato al successo cinematografico mondiale dall'attore Tom Hanks".

E conclude: "Noi, quando gli stessi che oggi criticano, misero il calice di Toyo Ito a piazza Salotto, non certo cominciammo a sparare a zero sulla "fontana non fontana", come oggi fa, con una caduta di stile inelegante, chi, evidentemente, dimostra di essere in crisi d'astinenza da potere. Poi il calice ha fatto la fine che ha fatto, doveva solo restare immobile in piazza, invece è scoppiato, facendo scherzosamente ribatezzare la piazza da "salotto" a "sa rotte". Aspettiamo di vedere la fontana per giudicarla, una cosa è certa, è un'opera unica al mondo, sarà una grande attrazione, darà colore, freschezza e lustro a una piazza da tutti considerata tristissima. Quel qualcuno che oggi parla soltanto per attaccare, forse dovrebbe cogliere l'occasione per farsi un esame di coscienza, visto che piazza salotto e il calice di Toyo Ito sono frutto della sua stagione amministrativa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Iacovo e Presutti contro la fontana luminosa: "È tecchia e cafonal". Masci ribatte: "Aspettiamo di vederla per giudicarla"

IlPescara è in caricamento