rotate-mobile
Politica

Pignoli pronto allo sciopero della fame: "La Regione rifinanzi la legge per la vita indipendente, inaccettabile penalizzare i fragili"

Il capogruppo comunale scriverà una lettera al presidente della Regione Marco Marsilio per chiedere che tutti i 3 milioni di euro previsti siano rifinanziati dato che ad ora della misura, dichiara, non c'è traccia

Il capogruppo comunale Massimiliano Pignoli annuncia lo sciopero della fame qualora nel bilancio regionale non saranno inseriti i 3 milioni di euro destinati alla legge sulla vita indipendente. 

E' lui stesso ad annunciarlo dopo aver appreso "che la Regione Abruzzo non li ha fino ad ora inseriti. Ritengo questo un fatto gravissimo che va a colpire la fascia più debole della popolazione", dichiara Pignoli.

Quindi la richiesta di procedere al rifinanziamento della legge 57 del 23 novembre 2012 perché se così non sarà, prosegue, darà il via al suo sciopero ad oltranza ritenendo l'atteggiamento "inaccettabile". "Non è concepibile che con oltre 93 milioni di euro a disposizione che potranno essere ulteriormente integrati da fondi del governo centrale, si vadano a penalizzare e a mettere letteralmente in ginocchio i malati e le loro famiglie che già sostengono quotidianamente sacrifici resi ancora più duri da due anni di pandemia e dal caro bollette".

"Ci saremmo aspettati un incremento dei fondi per la vita indipendente e non tagli indiscriminati per poi andare a distribuire fondi a pioggia - incalza Pignoli -. Questo non va bene e non è giusto per cui se non ci sarà un passo indietro della giunta darò il via ad uno sciopero della fame. Domani stesso poi scriverò una lettera al governatore della Regione per chiedere l’immediato ripristino dei fondi previsti", conclude.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pignoli pronto allo sciopero della fame: "La Regione rifinanzi la legge per la vita indipendente, inaccettabile penalizzare i fragili"

IlPescara è in caricamento