rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Politica

Filovia, Fiorilli: "Ripartire subito con l'attivazione dei filobus"

L'ex vicesindaco di Pescara ed esponente di Azione Politica interviene in merito alla questione dell'attivazione della filovia lungo la strada parco

Attivare subito la filovia sulla strada parco, l'unica soluzione concreta e sostenibile per risolvere il problema del traffico. Ad intervenire nel dibattito riguardante il progetto del filobus nell'ex tracciao ferroviario fra Pescara e Montesilvano è l'ex vicesindaco ed esponente di Azione Politica Fiorilli.

ANGIOLELLI CONTRO LA FILOVIA

Fiorilli attacca l'amministrazione comunale per non aver messo in funzione la filovia negli ultimi 5 anni, lasciando la situazone congelata e senza nessun passo avanti necessario per evitare che si perda un'opera fondamentale per la viabilità di tutta l'area metropolitana pescarese:

Lasciano il tempo che trovano le nefaste previsioni di quei residenti secondo i quali quei bus non avranno passeggeri: è chiaramente una bufala che non poggia su dati scientifici, ma solo su impressioni personali ed emozionali. È ovvio che nessuno si attende 200 passeggeri per corsa il primo giorno, ma è altrettanto ovvio che occorrerà informare i cittadini, far sapere della
disponibilità di una nuova mobilità extraterritoriale, far conoscere i vantaggi di una tale infrastruttura, di fatto la prima di tali dimensioni in una città, Pescara, che altrimenti non ha più valvole di sfogo e soprattutto non ha altri strumenti per offrire alternative all’uso dell’auto privata.

Sul fronte delle barriere architettoniche, Fiorilli ricorda che la giunta Mascia aveva lasciato in cantere una serie di interventi per garantire la piena fruibilità della filovia per i disabili, opere però mai messe in cantiere da Alessandrini oltre alla pedonalizzazione di Corso Vittorio:

E i dati dell’Arta avevano certificato la bontà di quella soluzione, perché una cosa è se 100 auto transitano tutte su un’unica strada; cosa diversa se quelle 100 auto si diluiscono su tre assi stradali, differenziando la propria destinazione. Il sindaco Alessandrini purtroppo questo non lo ha capito e, dopo aver cancellato tutti i benefici effetti di quel provvedimento, ha ripiombato Pescara nello smog. Oggi, con 5 anni di ritardo, finalmente si è compreso che la nostra città ha un bisogno vitale della filovia che non è mai stata un parco, e quell’opera, da questo momento, non dovrà conoscere ulteriori ostacoli

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filovia, Fiorilli: "Ripartire subito con l'attivazione dei filobus"

IlPescara è in caricamento