menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Celebrata la Festa della Liberazione, cerimonia davanti al Comune e in piazza Garibaldi per il 25 aprile [FOTO]

L’amministrazione comunale ha tributato un omaggio floreale con i colori della bandiera italiana ai patrioti pescaresi della guerra di liberazione dal nazifascismo

È stata celebrata anche a Pescara la Festa della Liberazione con la cerimonia a Palazzo di città e davanti al monumento ai caduti piazza Garibaldi.
Il sindaco Carlo Masci e il presidente del consiglio comunale, Marcello Antonelli, hanno tributato, a nome dell'amministrazione comunale, un omaggio floreale con i colori della bandiera italiana ai patrioti pescaresi della guerra di liberazione dal nazifascismo e i cui nomi sono iscritti sulla lapide apposta nel 1947 all’ingresso di Palazzo di città.

C'è stata anche la cerimonia istituzionale in piazza Garibaldi con il prefetto Giancarlo Di Vincenzo, il questore Luigi Liguori, il presidente della Provincia, Antonio Zaffiri, e i rappresentanti della forze armate e di Assoarma.

Le cerimonie per la celebrazione della Festa nazionale del 25 aprile si sono tenute senza discorsi ufficiali e con le sole bandiere italiane. «Le prescrizioni per il contenimento dei rischi di contagio da Covid 19», dicono Masci e Antonelli, «hanno purtroppo impedito di celebrare pienamente la Festa della liberazione come momento di condivisione della nostra storia. Il Comune ha comunque inteso ricordare le due medaglie d’oro al valor militare alla memoria per la resistenza, Renato Berardinucci e Vermondo Di Federico, fucilati dai tedeschi ai cimitero di Arischia l’11 giugno 1944. Avevano 23 e 20 anni. Erano ambedue originari di Picciano e per questo motivo abbiamo voluto al nostro fianco il sindaco Vincenzo Catani. Il prossimo I giugno celebreremo ufficialmente il centenario della nascita di Berardinucci con il coinvolgimento dei parenti dei due patrioti che si scagliarono contro il plotone d’esecuzione e con questo gesto di eroismo consentirono ai compagni Umberto Collepalumbo e Giuseppe Padovano di sottrarsi allo stesso tragico destino che li strappò giovanissimi alla vita».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Attenzione al razzo cinese: l'ironia corre sul web [FOTO]

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento