menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Falco (Pdl) sui consiglieri ribelli: "Alta indegnità politica"

Un aspro commento quello di Ermanno Falco sul voto contrario dato da alcuni membri nel corso del piano di bilancio. I capigruppo di maggioranza: "Molto è stato fatto e avremmo potuto fare ancora di più"

"Un episodio di grande indegnità política", così Ermanno Falco vice Coordinatore Cittadino PDL ha definito il voto contrario di Cilli, Di Nicola, Tocco e Biferi, l'astensione di Catone e l'assenza di De Leonardis.

Un fatto che ha dell'incredibile per molte persone che hanno vissuto l'attività dell'amministrazione volta al risanamento del bilancio pubblico della città e alla ristrutturazione totale del Paese

Tuttavia per Ermanno Falco, non è la disparità di pensiero a preoccupare ma il fatto che questi consiglieri non avessero riferito prima al Sindaco la loro contrarietà ad accettare il piano di bilancio. In pratica non c'è stata la minima volontà di comunicazione.

"Le loro prese di posizioni arroganti e irresponsabili fanno finalmente piena luce sul grado di credibilità e coerenza che tali soggetti hanno avuto nel corso di questi tre anni e quattro mesi di esperienza amministrativa" prosegue Falco che vede l'incoerenza proprio nel fatto che queste medesime persone, pur lamentandosi, non hanno rinunciatoagli incarichi di grande rilievo come la presidenza di commissioni e la stessa presidenza del consiglio. Ma l'aspro commento di Falco non finisce qui: per lui questi membri di maggioranza sono stati letteralmente "telecomandati dall'esterno, vomitando ingiustificatamente veleno sul sindaco e sui propri compagni di cordata".

LA MAGGIORANZA I capigruppo di maggioranza Luigi Marchegiani (PDL), Valter Cozzi (UDC) e Mauro Orsini (Libero) hanno accettato la scelta del Sindaco Cordoma di dimettersi e, nonostante l'amarezza per questi fatti che hanno profondamente turbato l'equilibrio politico della giunta, si ritengono felici e soddisfatti per le grandi opere pubbliche realizzate in questi 3 anni e 4 mesi.Dopo il risanamento delle finanze comunali, è partita la realizzazione di opere come la ristrutturazione del Palaroma, la progettazione e l'inizio della costruzione del Distretto Sanitario, l'acquisto di Villa Delfico, la realizzazione di numerosi parchi cittadini, tra i quali il parco della Liberta, Papa Giovanni Paolo II, i nuovi dodici alloggi popolari comunali, l'adozione della variante del Piano demaniale comunale e l'approvazione del Piano casa, la manutenzione ordinaria e straordinaria del verde pubblico, la realizzazione e il completamento di via Sospiri, la realizzazione di nuovi rondò in diversi punti della città, il rifacimento del manto stradale di corso Umberto e di altre principali arterie e l'avvio della variante generale al Prg, sono la dimostrazione tangibile del lavoro svolto.

"Siamo dispiaciuti del fatto che a causa delle dimissioni del Sindaco sarà del tutto improbabile dare inizio ai lavori di ristrutturazione di circa dieci vie della città e la riqualificazione del lungomare per migliorare la vivibilità nell'intera città e del Colle. "

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento