Politica

Ex Cofa, l'amministrazione al Pd: "Nessuno stop al Centro di ricerca, il finanziamento ci sarà e per una volta tifi per la città"

Dopo le critiche sollevate dal circolo "Di Vittorio" del Partito democratico sul mancato stanziamento delle risorse, arriva la replica: "Esternazioni malauguranti"

Nessuno stop al progetto di Regione, Comune e università che sarà realizzato per riqualificare l'ex Cofa e il finanziamento sarà garantito. L'amministrazione al circolo Pd “Di Vittorio” che aveva denunciato come, ad oggi, i fondi non siano stati concessi e che anche qualora fossero arrivati sarebbero stati la metà dei 18 che si intendono investire per realizzare il centro di ricerca per le attività marine dell'università sull'area da 32mila metri quadrati. Solo una delle infrastrutture che si vogliono realizzare oltre a spazi urbani e pizza, sala conferenze, un parco, laboratori e un polo congressuale.

“Non risponde al vero che il quadro finanziario riferito al progetto in questione sia stato ridotto e come afferma il Pd la previsione del Centro di ricerca dell’università d’Annunzio debba subire un brusco ridimensionamento. È stata la stessa Agenzia per la coesione territoriale e chi meglio di questa, a comunicare e a chiarire già da qualche tempo la situazione in atto, smentendo di fatto le malauguranti esternazioni del Partito democratico”, risponde l'amministrazione.

“L’Agenzia ha infatti provveduto ad attuare nei tempi indicati le attività per il pieno assorbimento della dotazione finanziaria originariamente prevista per la procedura di finanziamento denominata 'Ecosistemi per l'innovazione al Sud in contesti urbani marginalizzati'. Tuttavia, in ragione di alcuni ricorsi da parte di alcuni soggetti proponenti nell’ambito della citata procedura di finanziamento, non ha ancora potuto procedere a definire l’importo totale delle risorse da assegnare ed effettuare, ove possibile e in base alla disponibilità delle risorse finanziarie, lo scorrimento della graduatoria delle proposte progettuali finanziabili”.

“Si tratta evidentemente - aggiungono da Palazzo di città - di un tentativo di mettere le mani avanti per tutelare altri interessi che non sono quelli del territorio; cercando oltretutto di coinvolgere in maniera sterile sia il magnifico Rettore Caputi, sia il presidente della Regione che il sindaco di Pescara. Un dato risulta invece inconfutabile: Regione, Comune e Università hanno partecipato a un bando nazionale classificandosi in posizione utile per avere il finanziamento. Quando il ministero avrà definito le questioni legate ai ricorsi, che riguardano situazioni nazionali legate all'interpretazione delle norme europee sugli 'aiuti di Stato', il progetto dell'ex Cofa sarà finanziato per tutto l'importo richiesto.

“Il Pd tifi una volta tanto per Pescara – conclude la nota di replica - così quell'area abbandonata da decenni potrà essere riqualificata con un intervento caratterizzato da coesione sociale e sostenibilità ambientale. All’esito dei ricorsi per via amministrativa, sui quali l’organismo pubblico vigilato dalla presidenza del consiglio dei ministri esprime ottimismo, potranno essere fornite informazioni aggiornate e rispondenti alla realtà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Cofa, l'amministrazione al Pd: "Nessuno stop al Centro di ricerca, il finanziamento ci sarà e per una volta tifi per la città"
IlPescara è in caricamento